Ecolocalizzazione: speranza per i non vedenti.

Home » Miglioramento » Ecolocalizzazione: speranza per i non vedenti.

Ben Underwood: se ce ne fosse bisogno è l'ennesima dimostrazione di come le convinzioni potenzianti cambiano davvero la vita delle persone.…

20
SHARES

ben_underwood_ecolocalizzazioneStavo navigando e ho visto una video quanto mai interessante: Human Echolocation.(i video sono in fondo alla pagina)

Se ce ne fosse bisogno è l’ennesima dimostrazione di come le convinzioni potenzianti cambiano davvero la vita delle persone.

La storia, commovente per la sua forza, è quella di un ragazzo, Ben Underwood, che diventato non vedente a 2 anni, ha fin da subito avuto il supporto della madre che gli ha dato molta fiducia. Questo e la mente brillante di Ben hanno fatto il resto, facendolo diventatare un simbolo per come ha superato la cecità. Leggete pure tutta la storia qui http://www.benunderwood.com/aboutme.html ( è in inglese)
Purtroppo Ben è mancato a gennaio 2009, ma credo che il coraggio suo e di sua madre debbano essere riportati anche per il pubblico italiano.

Ben ha iniziato a fare rumori (dei “clic” ) con la bocca a cinque anni, e grazie alla sensibilità concentrata sugli altri sensi ha imparato a percepire le forme delle cose in base a come i suoni tornavano indietro. Proprio come i pipistrelli e i delfini. Questa sua abilità gli ha permesso di poter correre, giocare a basket, rollerblade, skate!

Parliamo di Ecolocalizzazione

L’ecolocalizzazione, chiamata anche biosonar, ci dice Wikipedia è un sonar biologico usato da alcuni mammiferi quali pipistrelli delfini ed altri Odontoceti. Anche alcuni uccelli che vivono nelle grotte biosonarutilizzano questo sistema. Gli animali ecolocalizzatori emettono suoni nell’ambiente e ascoltano gli echi che rimbalzano da diversi oggetti. Gli echi sono usati per localizzare, identificare e stimare la distanza degli oggetti. L’ecolocalizzazione è usata anche per l’orientamento e la ricerca del cibo o la caccia in vari ambienti. L’eco e gli altri suoni possono dare tantissime informazioni, quasi alla pari della vista. L’eco rende possibile non solo la natura e la forma dell’ooggetto (muri, cose appese, pali, scatole, pedoni) ma anche la densità ( legno, pietra).

Combinando queste qualità (sottomodalità direbbero in PNL) moltissimo può essere interpretato. Una cosa alta, stretta e di ferro può velocemente essere riconosciuta come un lampione. ( se siete curiosi del rumore che emettono i pipistrelli ecco qui un fille audio in formato .OGG – usate VLC)

Parliamo di altri Ecolocalizzatori:

James Holman

Risalente a metà dell’800 è stato uno dei più grandi viaggiatori di quel secolo, e riusciva a camminare grazie al rumore del basone.

Daniel Kish

L’ecolocalizzazione umana è stata sviluppata e “codificata” da Daniel Kish, che lavora con i non vedenti portandoli in mountain bike e insegna il suo metodo attraverso l’organizazione World Access for the Blind. Ha creato un dispositivo che fa automaticamente i click . E’ probabilmente l’unico insegnate di “eco-mobilità”. Ha insegnato a Ben ( quando questi era già “adulto”) l’uso del bastone e dei click per migliorare ulteriormente la mobilità. Ben Underwood pur capendo non ha mai adottato questo metodo, considerandolo troppo da “diversamente abile” mentre lui non si considerava “diverso per nulla”.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=uobuBc2GO0o[/youtube]

Dr. Lawrence Scadden

Scadden ha scritto vari libri sulla visione del viso, benchè capace di ecolocalizzare non utilizzava questa capacità in ambienti “conosciuti”

Lucas Murray

7 anni, inglese. Grazie agli insegnamenti di Daniel Kish può fare canestro

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=LqjyUHpg2lY[/youtube]

Ecco finalmente i video Di Ben Underwood

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=qLziFMF4DHA[/youtube] [youtube]http://www.youtube.com/watch?v=G1QaCeosUmw[/youtube] [youtube]http://www.youtube.com/watch?v=ikpNZOx5FGk[/youtube] [youtube]http://www.youtube.com/watch?v=3Px-aPnk4ZU[/youtube] [youtube]http://www.youtube.com/watch?v=MNkJ1diTxOE[/youtube]

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>