Cocooa.comMiglioramento personale per chi non cerca scorciatoie
Byron A. Lewis, R. Frank Pucelik – Magic of Neurolinguistic Programming Demystified (Video recensione)
Home » In Libreria » Recensioni » Byron A. Lewis, R. Frank Pucelik – Magic of Neurolinguistic Programming Demystified (Video recensione)

Byron A. Lewis, R. Frank Pucelik – Magic of Neurolinguistic Programming Demystified (Video recensione)3 min read

L'articolo in due parole:

Oggi parliamo di Byron A. Lewis, R. Frank Pucelik – Magic of Neurolinguistic Programming Demystified – libro di PNL non molto famoso in Italia ma assoluto best seller degli anni 80-90 in America.

Oggi parliamo di  Byron A. Lewis, R. Frank Pucelik  –  Magic of Neurolinguistic Programming Demystified – libro di PNL non molto famoso in Italia ma assoluto best seller degli anni 80-90 in America.

Torniamo alle Origini della PNL

E questo libro è interessante proprio per il contesto storico in cui è nato e pubblicato. Durante gli anni 70 tutto il mondo PNL ha giocato molto sulla parola Magia… e questo che ho in mano è in un certo senso quello che chiude il primo ciclo… i wild days of NLP.

Byron A. Lewis R. Frank Pucelik - Magic of Neurolinguistic Programming DemystifiedAutore: Byron A. Lewis, R. Frank Pucelik

Titolo: Magic of Neurolinguistic Programming Demystified: A Pragmatic Guide to Communication and Change

Voto 4 su 5 (lo trovi su Amazon | Bookdepository.co.uk )

 

Facciamo un salto indietro: accenni storici PNL

Riassumo quello già scritto altrove sulla storia della PNL (qui & qui per esempio): Prima ancora che Grinder si unisse al gruppo creando la PNL c’erano Bandler e Pucelik che avevano modellato (senza sapere cosa fosse il modelling) le abilità di Perls e della Satir.

C’è voluto il genio di Grinder per creare il framework per la codifica degli schemi, il genio di Bandler per rendere il tutto “selvaggio” e c’è anche voluta la perseveranza di Frank Pucelik nel gestire i gruppi di pratica, di insistere nelle esercitazioni e fare da collante sui teorici e la manovalanza :-)

Poi negli anni 80 la frattura, Bandler spinge sulle sottomodalità, Pucelik lavora con le aziende, Grinder scompare con Judith DeLozier  per modellare e re-codificare la PNL (quella che poi diventerà PNL Nuovo Codice – ne parliamo qui ) .

Questo è quindi uno dei primi (se non il primo) libro di PNL a non parlare più agli accademici, ma al pubblico. Il fatto di essere cosi “puro” è un’ottima occasione di studio per capire cosa succedeva nei primi gruppi di studio. Proprio Pucelik è co-autore/ supervisore di questo Magic of Neurolinguistic Programming Demystified.

Cosa si impara allora su Magic of Neurolinguistic Programming Demystified?

Oltre al Meta-modello (spiegato in maniera davvero semplice e facilmente applicabili) troviamo infatti il Communication Categories Model e il Visual Model. io non li avevo mai sentiti nominare… Il primo è il genitore di quelli che poi sono diventati i canali rappresentativi, mentre il secondo è il modello da cui si è sviluppata la calibrazione (notare accessi oculari, repiro, sguardo). Interessante notare che manca totalemente il Milton Model.

C’è una parte dedicata alla gnosologia della PNL (come sappiamo quello che sappiamo) e in generale tutto il libro è permeato di un grande spirito pratico e di semplicità… proprio vero che quando il mago svela i suoi trucchi la magia diventa banale.

Cosa ne penso di Magic of NLP Demystified?

Il libro presenta le basi della PNL in modo progressivo ed è un’ottima introduzione per il neofita oppure un interessante spunto di riflessione sulla PNL delle origini per chi è già un praticante.

Ben organizzato questo libro da la “mappa di lettura” dei libri di Bandler & Grinder che invece erano più contestuali  (Frog into Princes, Trance-Formation e Refraiming nello specifico).

Mi è molto piaciuta anche la lunghezza dei capitoli. poco prolissi inutilmente, ma con abbastanza informazioni per pensare e stuzzicare la curiosità. Da non sottovalutare la bibliografia (l’humus da cui è nata la PNL)  e le note.

Il fatto che sia così Old skool è per me un altro punto a suo favore.

Libri di PNL (simili) in Italiano

Tolti i gialloni dell’astrolabio, che però sono OSCENI nella traduzione e nell’adattamento non ci sono con lo stesso spirito: la PNL in italia nella maggior parte dei casi ti rende più scemo. più sicuro di te, ma più scemo :-)

Notabili eccezioni: Andrea Frausin, PNLOriginale.it e ovviamente il corso di PNL CorsoPNLOnline.com

Scritto da
Manolo Macchetta
Unisciti alla discussione

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

2 commenti
  • la PNL in italia nella maggior parte dei casi ti rende più scemo. più sicuro di te, ma più scemo :-)

    Notabili eccezioni: Andrea Frausin, PNLOriginale.it e ovviamente il corso di PNL CorsoPNLOnline.com

    Magari, ad onor del vero e per non passare per il solito venditore di fumo, potresti citare, tra le scuole che si sono sempre occupate di evitare le banalizzazioni e le scorciatoie a chi studia la PNL, PNL Meta e iiPNL di Gianni Fortunato.

    • Ciao Mauro.

      Approvo questo commento, anche se nessuno crederà che non l ho scritto io dato che dici le stesse cose che penso io :-)
      Come sai apprezzo moltissimo Andrea Frausin, con PNLOnline collaboro, e ovviamente conosco Gianni Fortunato, e lo reputo anche lui uno dei migliori a livello internazionale (ho seguito il suo corso di metafore e ne seguirò altri a breve)

Cocooa.com