Miglioramento

Come diventare proattivi usando il Circolo delle preoccupazioni e Circolo del Controllo.

L'articolo di oggi, preso direttamente da un mio foglio di appunti di un bel po' di anni fa. Cosi tanti anni che tranne il titolo del libro da cui l'ho preso - Stephen Covey le 7 abitudini... non ho molto altro del contesto. Ve lo riporto qui sotto ma mi riprometto di aggiungere altri contenuti.

Covey dice che le cose vita non "succedono" così, semplicemente per caso. Covey sostiene che, consapevole o no, sei stato tu il progettista della tua vita che ha preso forma nei momenti delle scelte.

E in ogni momento la scelta è stata la tua. E anche se dici: "Non avevo scelta perchè altrimenti succedeva x"... mi sento di fare due excursus:

  1. Comunicazione Non violenta
  2. PNL

Nella comunicazione Non violenta (nello specifico: nel libro Le Porte sono finestre oppure Muri di Marshall Rosenberg) si insegna che dobbiamo prenderci la responsabilità per le nostre azioni, anche quelle in cui sembra non ci sia scelta (es: "devo darti un brutto voto anche se trovo l'esame troppo difficile") - la scelta esiste ma è troppo costosa in termini di tempo / soldi / energie / rischi. Quindi la scelta che facciamo, per quanto pessima è la migliore disponibile in quel momento... (per rifarci alla frase di sopra, una persona dovrebbe dire: "Anziché investire ore del mio tempo andando dal direttore e poi al ministero per lamentarmi del corso, anzichè rischiare il posto di lavoro rifiutandomi di darti un brutto voto e anzichè stare li a pensare ad altre soluzioni, preferisco darti un brutto voto e deferire la colpa ad altri")

PNL - L'assunto di sopra - "la scelta che facciamo, per quanto pessima è la migliore disponibile in quel momento" + "E' nei momenti di scegliere che si da forma al destino" sono due capisaldi della Programmazione neuro linguistica.

Faccio un passo ulteriore a queste belle parole un po' vuote e cito una frase di Grinder che dice: "il problema non è mai il problema, il problema è lo stato in cui si affronta il problema". La domanda è  "Come avere sempre uno stato di alta performance per fare sempre la scelta migliore?"

Impara la PNL con i tuoi tempi - clicca qui

Personalmente non mi piace colpevolizzare le persone e non sono sicuro che sia un approccio vincente in termini di miglioramento personale. Concordo però coi concetti

Abitudine 1: diventa proattivo

Due note:

  1. Non sono sicuro che la definizione di proattivo che da Covey sia quella da vocabolario, ma tant'è...
  2. Non mi piace questa cosa di etichettare, ma userò - per amor di brevità e congruenza con Covey- comunque la definizione proattivo vs reattivo invece che persona che fa una cosa proattiva
  3. Ovviamente queste sono generalizzazioni, e anche se non ricordo se lo dice nel libro le due figure sono gli estremi mentre in mezzo c'è un ampio spettro di scelte.

Un "proattivo" non da colpa alle circostanze, alla gentica, alle condizioni o al contesto sociale per il proprio comportamento.

Un "Reattivo" invece trova sempre qualcosa che influenza il suo comportamento. Piove? è meteopatico e quindi il suo atteggiamento peggiora.

Linguisticamente il proattivo dice posso, farò, scelgo... il reattivo: non posso, devo proprio fare x, se soltanto...

Prendiamo le azioni e le dividiamo in gruppi: le cose fuori dal nostro controllo e le cose che invece possiamo controllare. Dato il tempo/ energie limitate più investiamo nel cerchio delle preoccupazioni, meno tempo/ energie abbiamo da investire Nel cerchio del controllo.

Il concetto è molto lineare e Covey, con un grafico semplicissimo ne trasmette la potenza. Complimenti.

cerchio-del-controllo

Covey parla del  Circolo delle preoccupazione e del Circolo del Controllo,
in uno succedono le cose che possiamo controllare e nell'altro (preoccupazione) quello fuori dal nostro controllo, ma che inevitabilmente ci succhiamo tempo denaro ed energie.

Circolo delle preoccupazioni

Ci metti tutte le cose che ti preoccupano, e che ti limitano nello splendere. In termini più comuni si può dire che che vive in questo circolo è reattivo agli accadimenti.

Un largo Circolo di preoccupazione e un piccolo Circolo di Controllo. Molto tempo ed energie sono sprecate reagendo a situazioni di cui non si ha il controllo - Sono tipiche di chi reagisce.

Circolo delle preoccupazione dei Reattivi

  • La vita sessuale di celebrità e politici
  • L'economia
  • Il telegionale
  • Quello che le altre persone pensano di te
  • Le idee politiche degli altri
  • Il tempo
  • Disastri Naturali
  • Guerra, armi e minacce terroristiche

Il comun denominatore di tutte queste (tranne l'opinione degli altri) è che si può limitare tantissimo, disconnendo la TV, i social e in mass media in generale.

Leggi l'articolo sulla dieta digitale

D'altro conto il circolo di controllo dei rettivi è molto stretto per cose più importanti e su cui ha un'influenza diretta:

  • Dove vivi
  • Dove lavori
  • Cosa leggi
  • Come spendi i soldi

Proprio le basi della sopravvivenza (e non lo dico io, ma Maslow)

Essere Proattivi

Piccolo/ nulla il Circolo della Preoccupazione contro un largo Circolo di controllo che permette di inserire più cose. Tempo ed energie sono indirizzati verso le situazioni dentro il proprio controllo.

  • Atteggiamento ed entusiasmo
  • I progetti che hai e che fai partire
  • Il posto dove vivi
  • Dove lavori
  • Quello che leggi
  • Come spedi i soldi
  • I passi nella direzione prefissata
  • Dove vivi
  • Le abilità che stai esercitando
  • Le cose che stai imparando
  • L'arte che condividi

Insomma una buona parte delle cose di cui si parla su cocooa.com ...

Si, ho deciso: una buona parte delle cose che suggerisce Covey avranno degli approfondimenti.

Abbiamo Parlato di:

Tutto quello che avresti voluto Sapere sulla PNL e... non ti è mai stato Detto
Introduzione non convenzionale alla PNL

Voto medio su 2 recensioni: Da non perdere


Le Parole sono Finestre (oppure Muri)
Introduzione alla comunicazione nonviolenta

Voto medio su 5 recensioni: Da non perdere


Le 7 Regole per Avere Successo
Con un'intervista inedita all'autore

Scritto da Manolo Macchetta

Affascinato dalle potenzialità del cervello rimane folgorato dall'uscita di MEMO, nel 1992. Soltando 10 anni dopo inizia però a studiare altre discipline. Nel 2008 apre il suo blog di Content Curation, Cocooa.com e poco dopo anche il portale per sport di lotta e MMA Grappling-italia.com

Scopri tutti gli articoli scritti da manolo su cocooa.com , Grappling-italia.com, TantraMarketing.it ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cocooa © 2021
Terms and Conditions  •   Privacy Policy