I migliori articoli

Guida alla Comunicazione Non verbale (e linguaggio del corpo)

Photo by Designecologist from Pexels

Comunicazione Non verbale: cosa è e perchè quello che ti hanno raccontato fin'ora sono grosse balle.

Definizione di Comunicazione non verbale

Per comunicazione non verbale (parte del cappello più grande del linguaggio del corpo) si intende quella parte di una interazione tra due (o più)  individui in cui non c'è uno scambio di parole.

E fino a qui tutto bene

La grande cagata delle percentuali

Se andate a un corso di PNL di bassa lega, un corso linguaggio del corpo, di vendita, motivazione o simili sentirai una delle più grosse cialtronate della storia del miglioramento personale, ovvero la divisione in 3 categorie e relative percentuali:

  • Comunicazione NonVerbale - 55 %
  • Comunicazione ParaVerbale - 38 %
  • Comunicazione Verbale - 7 %

Ovvero: in una interazione solo il 7 % passa attraverso il significato letterale delle parole, mentre il 93 % è dato da altri fattori come il tono della vice, la postura, il ritmo, espressioni del viso etc etc...

Per un po' di anni mi sono bevuto anche io questa divisione  ("se imparo il linguaggio del corpo divento una potenza" ), senza questionarmi (ed anzi facendomi pure dei corsi :-)  perchè semplifica tutto. Ma è bastato grattare pochissimo la superficie per scoprire tutte le falle della percentuale 7-38-55. Vi risparmio la fatica della ricerca e vi riporto un po' di dati.

Comunicazione verbale, Liguaggio del corpo, Calibrazione

4 persone con diversa postura e atteggiamento

Il linguaggio è importante, e spesso chi fa corsi / libri usa un linguaggio confuso apposta per evitare che chi ascolta abbia chiarezza e faccia domande scomode.

Piccolo quiz per scaldarci

Ti lascio delle parole, prima di continuare con la lettura segnati se le conosci e nel caso se sono sinonimi oppure no. Pensa anche come interagiscono tra di loro

  • Comunicazione non verbale
  • Segnali del corpo
  • Linguaggio del corpo
  • Micromovimenti
  • interpretazione dei segnali del corpo
  • calibrazione dei segnali del corpo
  • Segnali del corpo involontari
  • Segnali del corpo volontari
  • Segnali ideomotori

fatto? bene. proseguiamo

Interpretazione dei segnali del corpo vs Calibrazione dei segnali del corpo.

Quello che viene spacciata per lettura dei segnali del corpo è in verità intepretazione di alcuni segnali.

In PNL (ma è una abilità che esiste da sempre e che tutti abbiamo più o meno allenata) si definisce calibrazione la capacità di

E' cosa ben diversa vedere un cambiamento nella persona e attribuirgli un significato (intepretazione / "lettura" dei segnali del corpo) rispetto a vedere quello stesso cambiamento e appuntarsi cosa è successo prima e cosa succede dopo senza giudizio ("calibrazione")

Come Stanare chi ripete senza aver studiato nemmeno le basi di quello che propone.

Senza nemmeno dover scomodare il metodo con cui hanno trovato queste percentuali ( che nessuno sa o dice - ve ne parlo qui sotto), La prima domanda che potete porre a chi fa il figo è: "Chi ha fatto questi studi?"

Già con questa semplicissima domanda cadranno decine di asini.

pioveranno asini da ogni dove.

Prevedo una tempesta di asini :-)

La seconda, se proprio siete dei bastardelli, è "come sono stati fatti questi studi?"

La risposta è "questi studi" sono due esperimenti fatti nel 1972 da Albert Mehrabian. Mi ripeto: DUE esperimenti fatti 40 anni fa.

Albert Mehrabian, chi è costui ?

Mi sembra il caso di approfondire questa parte:  Albert Mehrabian è un professore (ancora vivo) dell'UCLA, famosissimo per i suoi studi sull'importanza dei messaggi non-verbali rispetto a quelli verbali. La sua ricerca verteva sull'inconsitenza della trasmissione dei messaggi emozionali attraverso la comunicazione.

Questa ricerca è appunto conosciuta come la regola del 7-38-55.

Al termine dello studio Mehrabian conclude che ci sono 3 canali principali per trasmettere il messaggio: Parole, Tono della voce, comportamenti non verbali (espressioni facciali)... e fino qui OK.... ma ....

Il secondo punto (sempre taciuto dai vari coach) è che gli elementi non verbali hanno una particolare importanza quando si  communicano le emozioni, specialmente quando queste sono incongruenti: se le parole sembrano in disaccordo con il tono della voce, la gente tenderà a credere a quest'ultimo.

Per una conversazione efficace quindi bisogna fare in modo che queste tre parti siano congruenti tra di loro, altrimenti ci sono delle probabilità (quelle sopra espresse) che l'altra persona legga i messaggi non verbali. Già detto cosi suona diverso dal solito vero?

Ma andiamo avanti....

Cosa intende Mehrabian per "Messaggi Emozionali".

Mehrabian fa un altro distinguo: le percentuali sono per messaggi che riguardano le emozioni o l'atteggiamento verso una cosa (mi piace - non mi piace)

Facciamo un esempio:

"Sei sicura di non essere arrabbiata con me ?"

Verbale dice: "Si te l ho detto, non ho nessun problema con te!"

Non-verbale fa vedere che: "da la schiena, ha tono voce  alto e stridulo, è imbronciata e rossa in viso....etc etc"

in questo caso nella comunicazione sta passando un messaggio breve e stanno passando delle emozioni. C'è una grossa incongruenza tra corpo e parole: questo è un caso di Messaggio Emozionale.

Se state scrivendo un trattato di chimica è molto probabile che il lettore esperto capisca un po' di più del 7% .

Per lo stesso motivo, quando mandate un SMS o una mail con una battuta o qualcosa che tocca le emozioni  usate le faccine :-) mentre non lo fate se dovete esprimere altri concetti in un trattato.

In pratica, se le teorie degli specialisti del linguaggio del corpo (quelli che vi vogliono vendere il corso intendo) fossero vere - il linguaggio del corpo è quasi universale - vi basterebbe un corso di qualche decina di ore più un altro 300 ore di pratica per diventare competente in TUTTE le lingue del mondo !!!

Non male come investimento!!! e come è che molti insegnati non sanno nemmeno l'inglese?

Come hanno interpretato i guru il test :-)

Il Ciarlatano / furbone ha generalizzato la regola e il contesto, dichiarando che funziona cosi in OGNI comunicazione e che  comprando il suo corso di comunicazione non verbale e potrete essere dei maestri in OGNI comunicaziome. Una generalizzazione simile è talmente fallace che non merita nemmeno una critica...
Se ci pensate un attimo è abbastanza facile constatare anche nella vita attuale quanto sia falsa. Ritorno all'esempio di sopra: Se andate in uno stato straniero di cui non conoscete la lingua e sentire parlare due persone che % del discorso capite? molto vicino allo 0 %. Secondo i furbetti che vi vogliono piazzare dei corsi invece dovreste capire il 93 % della conversazione!

Mehrabian cosa ne dice?

Ad Albert Mehrabian fischieranno le orecchie ogni 2 minuti, da quanto viene citato a sproposito. Lui stesso non è felice della cosa, tanto che in un suo lavoro, Silent Messages ( https://www.kaaj.com/psych/smorder.html ) ha messo questa frase bene in chiaro:

"Please note that this and other equations regarding relative importance of verbal and nonverbal messages were derived from experiments dealing with communications of feelings and attitudes (i.e., like-dislike). Unless a communicator is talking about their feelings or attitudes, these equations are not applicable. Also see references 286 and 305 in Silent Messages – these are the original sources of my findings."

"Per Piacere notare che questa e altre equazioni riguardo l'importanza relativa dei messaggi verbali e non verbali sono derivate da esperimenti che riguardano la comunicazione di sensazioni e di atteggiamenti ( mi piace- non mi piace). A meno che un comunicatore non parli di sensazioni o atteggiamenti, queste equazioni non sono applicabili. Vedere riferimento 286 & 305 in Silent Message - quelle sono le fonti originali delle mie scoperte"

Albert mehrabian ha scritto molti libri sulla comunicazione non verbale e la psicologia sociale. Su Amazon.it ne trovate un bel po ( in inglese).

Chiudo qui la prima parte della serie di articoli sulla comunicazione non verbale, lasciandovi il tempo di farvi una vostra opinione a rigurado... nei prossimi capitoli vi parlerò ancora un po' dello studio di Mehrabian, del linguaggio del corpo, della GROSSA differenza tra leggere il linguaggio del corpo e calibrazione.. e altre cose interessanti.

Photo by Designecologist from Pexels

Scritto da Manolo Macchetta

Affascinato dalle potenzialità del cervello rimane folgorato dall'uscita di MEMO, nel 1992. Soltando 10 anni dopo inizia però a studiare altre discipline. Nel 2008 apre il suo blog di Content Curation, Cocooa.com e poco dopo anche il portale per sport di lotta e MMA Grappling-italia.com

Scopri tutti gli articoli scritti da manolo su cocooa.com , Grappling-italia.com, TantraMarketing.it ,

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

31 comments on “Guida alla Comunicazione Non verbale (e linguaggio del corpo)”

    1. Grazie Mille Jacopo...
      mi ricordo di averne visto uno simile tempo fa ( forse proprio questo) e ho approfondito anche grazie a quello. Vale la pena vederlo.

      m

  1. Io non sono del tutto d'accordo con quanto detto. Semplicemente ogni regola vale in un determinato contesto. Se viene associata al contesto sbagliato è sbagliata, ma forse l'esempio che porti non è il migliore a esplicarlo.
    La regola dice che il 100% della comunicazione è suddiviso in quelle percentuali. E non che il 100% del messaggio verbale.

    Se fai una tesi di fisica, e la leggi, è ovvio che non è interpretabile dal linguaggio del corpo se questa è fatta in una lingua sconosciuta.

    Ma il 100% della comunicazione non è la tesi. Ma è molto di più. Un insieme di parole scelte per la tesi, colore della carta, professionalità del relatore, qualità delle poltrone su cui siedo mentre ascolto, emozione provata dal relatore, se sa la tesi a memoria o la legge, se il suo stato di salute è buono, se il suo modo di vestire è accettabile in base alle mie norme interiori ecc ecc.

    La comunicazione in quel caso è molto più grande del solo contenuto del messaggio verbale.

    Se presento una relazione in un asilo, o ai TED talks, il non verbale dell'ambiente cambierebbe drasticamente l'interpretazione della mia comunicazione. Non del contenuto (non è vero, anche la percezione del contenuto potrebbe venire alterata). Lo stesso vale per i packaging pubblicitari, dove è stato dimostrato che la percezione del gusto può cambiare in base a dove viene vista.

    La cosa importante è che chi fa uso di queste statistiche sappia bene a che contesto applicarle. Chi come me pratica l'ipnosi ericksoniana sa che l'interpretazione del messaggio può avvenire a livelli è in tempi diversi, con risposte emotive e fisiologiche diverse rispetto al significato intrinseco della frase.

    Il linguaggio del corpo permette di leggere molto di ciò che non viene detto, e non di leggere ciò che viene detto dalle parole ma in maggiore quantità.

    In una conversazione di tutti i giorni, se chiedo a una persona come sta, non è il contenuto verbale della risposta a soddisfarti ma lo stato emotivo a cui il messaggio verbale viene appiccicato.

    Di per se queste percentuali non sono una cialtronata. Lo sono forse i contesti dove esse vengono applicate.

    Posso dire che il 93% della comunicazione è non verbale. Non che il 93% del messaggio verbale può essere letto in modo non verbale.

    Se entri in un edificio bancario, la banca ha abbondantemente comunicato molte cose prima che tu possa ricevere il "buongiorno" da chi è allo sportello. Attraverso il non verbale non leggi il buongiorno, ma interpreti il contesto.

    Chiedo scusa per la precisazione, ma tendo a non amare gli estremismi. Sia di ragione che di torto.

    Non c'è giusto o sbagliato in una regola, ma ci sono contesti giusti o sbagliati.

    A.

    1. Ciao Andrea,
      il contesto che riporto è quello dello studio di Mehrabian, quello che invece riportano la maggioranza dei coach è una super generalizzazione (dumb down) dello stesso... sul fatto che io non sia un novello manzoni e le mie abilità di scrittura (esempio e lessico) dovrebbero migliorare concordiamo.

      > La regola dice che il 100% della comunicazione è suddiviso in quelle percentuali. E non che il 100% del
      > messaggio verbale.

      Non esiste nessuna regola, ma due studi combinati alla bene in peggio dallo stesso Mehrabian (per sua stessa ammissione).

      > Se fai una tesi di fisica, e la leggi, è ovvio che non è interpretabile dal linguaggio del corpo se questa è
      > fatta in una lingua sconosciuta

      ovvio? in che modo pensi che sia ovvio per tutti ?

      > Il linguaggio del corpo permette di leggere molto di ciò che non viene detto, e non di leggere ciò che
      > viene detto dalle parole ma in maggiore quantità

      Dato che studi ipnosi spero che fai una distinzione tra "linguaggio del corpo" (< - mindreading) e calibrazione (<- "un accadimento /fatto") cosi come ho scritto nelle ultime righe del mio papiro: nei prossimi capitoli vi parlerò ancora un po’ dello studio di Mehrabian, del linguaggio del corpo, della GROSSA differenza tra leggere il linguaggio del corpo e calibrazione.. e altre cose interessanti.Ciao !Manolo

  2. Ciao Manolo. Innanzi tutto grazie della tempestiva risposta. Riguardo alla famosa regoletta, penso che nessuno studio potrà mai dare una percentuale. Io riporto sempre l'esempio del 'Ciao'. Dato il messaggio verbale debole, quello che mi permette la maggiore informazione è il tono con il quale viene detto e la postura. Quindi 'leggo' il contenuto del messaggio non nel messaggio verbale. Ma la percentuale cambia di molto se il messaggio verbale ha una grossa quantità di informazioni.
    L'errore, a mio avviso, è fare un parallelismo tra messaggio verbale e messaggio non verbale.
    Come se entrambe le cose veicolassero lo stesso contenuto.
    A mio avviso invece, sono due cose profondamente diverse.
    Il linguaggio verbale mi permette di leggere uno stato emotivo, mentre le parole il discorso trattato.
    E per calibrare, come dici tu, si valuta la coerenza tra questi due messaggi. Ad esempio dico "sto bene!" e il mio non verbale contraddice questo primo messaggio comunicando uno stato emotivo volto a dire che non sto bene in verità.
    Ma questo è solo uno dei casi. Il fatto che i due argomenti (ad esempio lo stato di salute nel 'sto bene!') verbale e non verbale coincidano nella tipologia di contenuto, non significa che lo facciano sempre.
    Se appunto parlo di fisica quantistica ma il mio corpo esprime disagio, sono due comunicazioni con due temi diversi. Per cui non c'è nessuna percentuale da applicare.
    Poiché non c'è relazione di contenuto.
    A mio modo di vedere non c'è una divisione percentuale. Il non verbale rappresenta il 100% della comunicazione non verbale. Che poi a volte si sovrapponga al verbale è un discorso, ma rimane comunque un contenuto a se stante. Abbinarlo al verbale permette di valutare la coerenza dei due diversi contenuti.
    Per quel che riguarda la differenza tra mindreading e calibrazione, nell'ipnosi ci sono entrambi, ma non sono uno studioso di PNL e a dire la verità non la amo per nulla. Ma i motivi richiedono un luogo a parte. Aldilà dei termini usati, se con calibrazione intendi la coerenza verbale e non verbale, devo dire che in ipnosi non è che una piccola parte. Poiché anche la voluta non coerenza dei messaggi serve. Anzi è così nella maggior parte dei casi. Poiché si parla sia alla coscienza che all'inconscio (dipende dalle scuole di pensiero riguarda all'ipnosi la diattriba è lunga) la non coerenza tra il verbale e non verbale viene utilizzata come doppio legame per creare confusione o shock, e utilizzare questo meccanismo per le proprie suggestioni. Mentre invece il linguaggio del corpo permette di capire se una suggestione indiretta è stata accolta inconsciamente, o viceversa predicendo al soggetto quello che accadrà, e poiché è inevitabile la persona si suggestiona del compimento della suggestione stessa.

    Andrea.

  3. "La comunicazione non verbale è quella parte della comunicazione che comprende tutti gli aspetti di uno scambio comunicativo che non riguardano il livello puramente semantico del messaggio"

    "L’efficacia di un messaggio dipende quindi solamente in minima parte dal significato letterale di ciò che viene detto, e il modo in cui questo messaggio viene percepito è influenzato pesantemente dai fattori di comunicazione non verbale."
    Wikipedia

    Quello che intendevo era questo. Ovvero che con la comunicazione non verbale non cerchi di leggere il significato semantico, ma il mondo in cui percepisci il messaggio.

    A volte le discussioni permettono di approfondire e imparare.

    A.

    1. un mio collega aveva comprato il METT (il dvd con gli esercizi delle microespressioni) mi era piaciuto mentre facevo esercizio. tanto da prendermi il libro (interessante ma un po pesante ....) l ho riposto in quelli "da finire"... poi è uscito Lie to me e mi è tornata voglia di leggerlo... comunque credo che prima o poi questo articoli sulla comunicazione non verbale avrà un seguito (calibrazione) - dammi almeno altri 3 mesetti di esercizi...
      e tra un bel po ( 12-24 mesi) parlerò di Ekman... magari nel frattempo recupero pure il Mett per il Mac...

  4. Professione : Analista del linguaggio non verbale esiste!! Con il decreto Reg. n 041/Pres del 7/2/2012 l'Associazione nazionale degli Analisti del comportamento emozionale del volto- Emotusologi (A.A.E.) coordina iniziative volte al riconos
    cimento, alla tutela ed alla certificazione della specilizzazione professionale. PER ENTRARE NELL'ELENCO DEI PROFESSIONISTI BISOGNA SUPERARE L'ESAME CHE ATTESTA LA CONOSCENZA DI TECNICHE E METODOLOGIE SCIENTIFICHE DI ANALISI DEL COMPORTAMENTO NON VERBALE

    1. Grazie dell'info, mi fa molto piacere aver arricchito la mia conoscenza della cosa, ma temo di non capire il nesso tra le la lettura delle microespressioni e l'articolo sopra riportato.
      Mi dai lumi ?

    2. Leggevo che per poter essere incluso nell'elenco degli analisti tra le varie cose bisogna essere in possesso di una laurea anche triennale, va bene qualsiasi percorso?

  5. Devo farci la tesi .. e capire ancora se veramente questa figura non è riconosciuta per i reati , oppure in qualche modo aiutano le forze dell'ordine anche in Italia.

    1. Spero che tutti i professoroni che ci leggono ti possano dare queste info, fammi sapere se ti serve qualcosa ...
      in bocca al lupo per la tesi !
      ciao!!

    2. Non riesco a capire se la domanda è rivolta al mio messaggio (c'è stata una sovraposizione di messaggi.
      Se sì,
      vorrebbe sapere le applicazione nella sicurezza?

  6. Ciao.. :D
    La sigla L.E.M è Lateral Eye Mouvements e studia i movimenti "latarali degli occhi" o i movimenti degli occhi in generale?
    Seconda domanda: V.A.K. si riferiscce ai nostri sistemi rappresentazionali, ma non ho capito di che cosa è la sigla e neanche l'esempio fatto con queste lettere..poi nella nomenclatura non c'è la K ..cmq a parte la sigla del nome volevo sapere in che consiste questo V.A.K.? per favore..

  7. Il nesso tra microespressioni e il messaggio postato sopra:
    microespressioni è una delle tipologie delle espressioni facciali. Lo studio di questa categoria di espressioni facciali fa parte dello studio dell'analisi del comportamento emozionale del volto. Quindi chi si interessa di tale materia ritengo sia utile la conoscenza l'Associazione nazionale degli Analisti del comportamento emozionale del volto - Emotusologi che ha lo scopo di promuovere i professionisti di questa scienza. In quanto è recente e ancora poco pubblicizzata, si rivolge sia ai professionisti attivi nel settore (che quindi hanno la possibilità di far parte dell'iniziativa) sia a quelli che vogliono approcciarsi a questa scienza e avere una garanzia, almeno in parte, della scelta del professionista.

  8. ..si infatti appena lo avevi scritto l'altra volta li sono andata a vedere sul sito..sono i ricercatori dell'università di Trieste no ? Scusate se rompo..

    1. Fiocchetto, questo articolo non parla delle MicroEspressioni (e le mie conoscienze attuali a riguardo sono limitate e non mi permettono di rispondere)... ma dello studio di Albert Mehrabian.
      Apprezzo molto che chiedi qui, ma secondo me è meglio che chiedi a qualche sito che parla specificatamente di quello ( oppure aspetti un 2-3 anni che studio tutto bene :-)

  9. ...anche se un po' in ritardo, rispondo a Fiocchetto... qualora non avesse già scritto a qualche altro forum...
    Le AU stanno per unità d'azione. AD per azioni descrittive. M per i movimenti della testa.
    E' complesso descrivere il sistema in due parole...
    Ad ogni modo si parte dallo studio dei movimenti muscolari e dai relativi cambiamenti d'aspetto. Questa è la codifica.
    Poi si passa allo studio della tecnica di decodifica.
    Abbiamo diverse tipologie di espressioni: espressioni soffocate, sottili, microespressioni ecc. Microespressioni sono quelle che durano pochissimo, un quarto di secondo, quindi si tratta solo di una delle tipologie di espressioni facciali. In un'analisi bisogna annotare varie tipologie di espressioni, altrimenti il grado di affidabilità dell'interpretazione risulta essere molto basso.

  10. Ciao non sono d'accordo con le tesi di manolo penso che abbia incontrato dei formatori poco professionali il vero formatore precisa sempre che il linguaggio del copro deve essere congruo con il tono e le parole altrimenti sarebbe un discorso a metà ed inoltre ogni volta che noi comunichiamo parliamo di emozioni quindi la regola è sempre valida.

    1. Ciao marika,
      credo di non aver capito bene...
      Quale è la "tesi di manolo" di cui stai parlando? se stai parlando di come ho riportatato lo studio di Albert Mehrabian, non si può proprio definire la mia tesi...

      mi potresti dare una definizione di "vero formatore" per come lo intendi tu ?

      cosa intendi "altrimenti sarebbe un discorso a metà" ?

      se mi spieghi posso essere in grado di risponderti, e magari anche concordare con te.

Cocooa © 2021
Terms and Conditions  •   Privacy Policy    
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram