Cocooa.comMiglioramento personale per chi non cerca scorciatoie
Immagine di sé: cosa è e come tenerla sana
Metodo-Silva-Immagine-di-se-stessi
Home » Miglioramento » Oltre la Mente / Corpo » Metodo Silva » Immagine di sé: cosa è e come tenerla sana

Immagine di sé: cosa è e come tenerla sana6 min read

L'articolo in due parole:

Il lavoro sull’immagine di se è la “pietra angolare” di ogni lavoro di miglioramento personale. In questo articolo vi presento il protocollo completo.

Stavo scrivendo un articolo su come riuscire a seguire una dieta, quando mi sono accorto che lo stavo scrivendo senza averlo introdotto abbastanza bene secondo la mia idea. Quindi, prima di postare l’articolo sulla “dieta”,vi introduco un esercizio che è tra i più utili e potenti che abbia mai fatto: il lavoro sull’immagine di sé. Posso dire senza essere smentito che essa è la “pietra angolare” di ogni lavoro di miglioramento personale. E’ estremamente importante, quindi domandate pure. Vi risponderò oppure chiederò a chi ne sa più di me.

Probabilmente se dovessi scegliere sarebbe nei miei Top 3 di sempre. E’ il fulcro del lavoro di Maxwell Maltz, ma io l’ho studiato come parte integrante del “Silva Mind all’italiana” che proponevano su Memo. Le due cose vanno studiate insieme perché una è le fondamenta dell’altro. In due righe vi descrivo chi era Maltz, cosa ha scoperto e poi facciamo subito l’esercizio.

Se sei interessato a questo Argomento (e DOVRESTI esserlo), vai subito alla sezione dedicata al Il Metodo Silva (Psicodinamica/Dinamica Mentale) Dove parlo di altri esercizi simili & faccio una panoramica del filone di cui questo libro è parte.

Maxwell Maltz & L’immagine di se

Maxwell Maltz (1899-1975) è un chirurgo estetico, e come spesso accade le idee brillanti vengono dagli outsiders. In un periodo dove chi si rivolgeva alla chirurgia estetica non lo faceva per avere le tette più grosse o un petto glabro, ma per problemi probabilmente più gravi, ci si poteva aspettare che dopo un intervento perfettamente riuscito sarebbe stata la persona più felice del mondo.

Maltz invece, ascoltando i suoi clienti, si accorgeva che alcuni di loro continuavano a comportarsi come prima. Presto capì che ognuno di noi ha un’immagine di sé che non si sovrappone esattamente con l’immagine esteriore.

Quando chiudiamo gli occhi e ci visualizziamo (e lo facciamo sempre anche se non lo vogliamo:-) magari ci focalizziamo su qualche piccola imperfezione che nessuno nota, ma di cui noi ci preoccupiamo e, giorno dopo giorno, programmazione negativa su programmazione negativa, magari questa diventa un problema. (Un naso un po’ più pronunciato, il seno un po’ piccolo, quel neo sul viso..)

A questo punto Maltz, forte delle sue scoperte ha sviluppato la Psico-Cibernetica, un sistema di idee atte a migliorare la propria immagine di sé e avere una vita più soddisfacente. Nel suo libro, Maltz dice che una persona deve avere una visuale accurata e positiva della propria immagine di sé prima di settarsi degli obbiettivi, altrimenti questa persona rimarrà negli stessi schemi causati dalle proprie credenze limitanti.

Prendo e cito da pagina 10 del libro dal succitato titolo PsicoCibernetica, stampato nel 1965 (!!) da Astrolabio ma con copertina bella (non quegli orrendi gialloni :-)

L’immagine dell’Io è la chiave della personalità e del comportamento umano. Cambiate l’immagine dell’Io e cambierete la personalità e il comportamento.
Oltre a ciò, l’immagine dell’Io stabilisce i limiti dell’individuo, indicando ciò che può e ciò che non può essere fatto. Estendete tale immagine, ed estenderete la “zona del possibile”. Lo sviluppo di una giusta e realistica immagine dell’io sembrerà dare all’individuo nuove capacità, un nuovo talento e addirittura  cambierà in successi i fallimenti.

Come modificare l’immagine di sé.

Come migliorare l'immagine di se ! (jpg presa da i-ela-me) Come migliorare l’immagine di sé! (jpg presa da i-ela-me)

Come molti dei lavori sulla mente, necessita di un po’ di preparazione e un minimo di costanza.  Maltz propone i classici 21-28 giorni, ormai adottati de facto come tempi giusti per un cambiamento. Se utilizzate i metodo dei 6 Changes di Babauta e di cui ho parlato moltissimo, vi propongo di andare avanti 60 giorni e poi tenerla come abitudine. In questo caso come in altri, più la visualizzazione sarà vivida meglio sarà. (Vedere Tutto quello che volevate sapere sulla Visualizzazione per approfondire)

Farlo una sola volta vi darà una botta de vita, ma è necessario farlo più volte prima di cambiare davvero e tenersi il miglioramento. Il cambiamento è “dolce”, quindi facilmente gestibile, si può modificare in corsa e anche gli altri lo noteranno. Io ho ottenuto grandi risultati in questo modo.

Il libro Psicocibernetica di Maxwell Maltz parla per 220 pagine di questa cosa quindi, se vi interessa, compratelo dopo aver fatto il corso di Memo sul Silva.
Ultima nota: uso una versione “light” di quella dello zio Hack (che trovo la migliore tra tutte e che trovate su VCD 2003, anche questo è un acquisto consigliato) mischiata con Memo e Il libro originale (che è del 1960). Vi rimando alle suddette fonti per la procedura.

  1. Rilassatevi.

    Se sapete meditare, andate in Alpha e utilizzate quegli stati più recettivi. Altrimenti può bastare sedersi in poltrona tranquilli, respirare un po’ profondamente e rilassarsi. Farlo appena svegli o prima di addormentarsi è un ottimo amplificatore.

  2. Visualizzate la vostra immagine come è adesso.

    Potete aiutarvi facendo finta di uscire dal vostro corpo attuale e guardarlo da fuori.

  3. Amatevi.

    Mandate amore alla persona che siete adesso e che avete davanti. Ricordatevi che in ogni caso siete un essere unico…

  4. Togliete eventuali difetti.

    Se ha dei difetti fisici che non vi piacciono cancellateli, se sono caratteriali toglieteli dal vostro corpo (se avessero una forma che forma avrebbero?)
    Ringraziate gli insegnamenti positivi che vi hanno dato, e salutateli per sempre. Guardateli mentre vanno via felici ed evaporano…

  5. Aggiungete tutti i pregi che volete possedere.

    Fate in modo che dipendano da voi (vedersi più “sociali” è meglio che vedersi con 10 persone che vi desiderano. Tenete il focus dentro di voi)

  6. Visualizzate il vostro Io ideale.

    Visualizzate adesso davanti a voi la vostra immagine ideale, con le caratteristiche fisiche, morali, sociali che più desiderate. Se sapete usare gli schermi mentali del Silva potete utilizzarli qui.

  7. Entrate Dentro.

    Vestitevi della vostra immagine ideale come se fosse un nuova pelle. Se ne sentite il bisogno, muovetevi un po’, assestate il vostro corpo dentro quello vecchio.

  8. Sentitevi bene.

    Siete adesso dentro il vostro Io ideale, sentite i rumori come si sentono adesso, vedete coi vostri occhi, provate le sensazioni. Godetene appieno.

  9. Uscite dal vostro Io ideale.

    Portatevi dietro le sensazioni positive.

  10. Controllate.

    C’è qualcos’altro che volete o che non volete? Fate pure un progetto ambizioso su quello che volete diventare, oggi offre Cocooa.com !
    Se sapete usare le sottomodalità della PNL o altri amplificatori di stato, questo è il momento. Nel caso, ripetete i passi da 4 a 9.

  11. Rientrate nel vostro Io ideale.

    Sentitevi bene nel vostro nuovo Io.

  12. Gratitudine

    Ringraziate il fatto di essere giunti a questo punto e di essere da questo momento una persona migliore! Ringraziate per le cose fantastiche che vi succederanno. La gratitudine è importante.

  13. Uscite dal rilassamento/ meditazione

    Tornate svegli tenendo a mente l’immagine, i suoni, i sapori e gli odori del vostro nuovo Io. Nel corpo, godetevi le sensazioni. Gustatevi il fatto che lo rifarete l’indomani

  14. Continuate per un Mesetto

  15. Postate qui i risultati

Ecco qui l’esercizio per chi non si intende di altre discipline. Se sapete usare la PNL, il Silva, le tecniche di rilascio o anche l’EFT, usateli quando pensate che sia il caso. Provate questo metodo come ve l’ho descritto.

Fonti

Attraverso la Mente
Manuale di Psicocibernetica

Psicocibernetica
Basato su una sorprendente innovazione scientifica, questo semplice e pratico “nuovo metodo di vita” può avere un influsso decisivo sul vostro avvenire

Voto medio su 3 recensioni: Buono


Il metodo Silva Mind Control
Manuale operativo per lo sviluppo della mente intuitiva

Voto medio su 8 recensioni: Da non perdere


Scritto da
Manolo Macchetta
Unisciti alla discussione

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

18 commenti
  • CIAO, una domanda da profano:
    il miglioramento dell’autostima proposto in vari corsi, che tu sappia, si avvale di tecniche come quella qui presentata?

    Grazie e complimenti per il bel lavoro, davvero interessante!

  • Ciao Stefano,
    di corsi ce ne sono a migliaia, e dicono tutto e il contrario di tutto: non escludo che qualcuno tratti di questo ma non avendone mai frequentati non so suggerirti nulla.
    Comunque la tecnica è talmente facile e potente che si può provare a fare da soli.
    ciao!

    m

  • Salve, scrivo questo commento per dirvi che il metodo di Maltz e’ assolutamente privo di fondamentyo scientifico lasciate stare per favore. Fate parlare uno studioso di psicologia o psichiatria e mostrate i primi capitoli del libro. La immagine di noi e’ il risultato di una serie di eventi che possono essere modificati solo da un valido trattamento terapeutico come per esempio la terapia cognitivo comportamentale.

    • Ciao Gino,
      ti ringrazio per il tempo che ti sei preso a scrivere, e lo apprezzo molto. Da parte mia mi sento di aggiungere un paio di cose, per futura referenza. Cocooa.com parla di miglioramento e non di terapia, quindi è un campo di applicazione diverso da quello di cui parli tu.
      Non so se l’immagine di noi che intendi tu è la stessa che intente Maltz.
      Detto questo ti posso assicurare, per esperienza personale, che l’esercizio che propongo l ho testa su di me con grossi risultati (nello specifico: le persone intorno mi hanno fatto notare i cambiamenti e ho ottenuto i risultati che volevo).
      Quando si parla di fondamento scientifico – per quanto mi riguarda – solo la matematica è Scienza pura più si scende verso l’umanistica più il metodo scientifico è fallace… e a quel punto l’asticella tra cosa è e cosa non è scientifico è arbitrario. Mi piacerebbe avere un metro di giudizio infallibile ma non ne ho trovato ancora nessuno.
      A questo pro ti chiedo di inevestire un 40 giorni, con VERO spirito scientifico (non scettico) in questo esperimento dell’immagine di se e riportare i risultati… grazie mille per il supporto

  • Ciao MAnolo concordo con quello che.ha detto lui la immagine di se’ secondo il chirurgo produce solo illusioni ma nessun risultato concreto. http://www.terzocentro.it/la_psicoterapia_cognitiva.asp se leggete quello che si trova scritto sulle convinzioni a proposito della propria persona comprenderete che la nostra mente viene modificata da una serie di eventi. Non si migliora con questo metodo che ho seguito alla lettera ma serve qualcosa di forte e basato su basi scientifiche .

    • Ciao Sandro, sono andato al link che hai indicato:
      capisco che sono poche righe di descrizione, e capisco che sto estrapolando una frase sola….
      Cito: “Beck si accorse che i pazienti presentavano più flussi di pensieri che scorrevano parallelamente e che alcuni di essi erano direttamente responsabili delle emozioni dolorose provate dalla persona in una data situazione.”
      Cocooa parla di miglioramento personale, quindi NON si parla di pazienti e non si parla di dolore, bensi di persone “sane/funzionanti” che vogliono stare meglio/ essere meglio funzionanti / più produttive / avere più scelte / … e questo è SUPER importante.
      (Per approfondire cosa intendo ecco qui il link: https://www.cocooa.com/funnel-del-miglioramento/ )

      Per mia esperienza personale ho usato questa tecnica più volte in tempi e modi diversi (da teenager per essere più sociale, da universitario per affrontare meglio gli esami, da adulto in varie situazioni…) insomma l ho provata più volte e mi è sempre funzionata, quindi per me è promossa.

      su cosa io considero “scientifico” e cosa no l’ho detto velocemente sopra. Dammi la tua definizione di “basi scientifiche” e se puoi fammi un paio di esempi di discipline che hanno basi scientifiche e un paio che non le hanno (giusto per tararci): ti lascio il link a un altro libro molto interessante per chi è interessato alla “questione scientifica”: https://www.cocooa.com/7351/2014/craig-weiler-psi-wars-ted-wikipedia-battle-internet.html (lo trovi a pochi euro per kindle)

  • Caro Manolo voglio innanzitutto complimentarmi con te per i tuoi articoli e per il sito, uno dei migliori che abbia mai trovato in tema di miglioramento personale. Detto questo voglio farti una domanda riguardante questo esercizio ma prima devo fare una premessa: sulla base della mia breve esperienza personale gli esercizi che sfruttano l’immagine dell’io sono quelli con cui ho sicuramente ottenuto migliori risultati, modificare la mia autoimmagine e vivere stati d’animo e sensazioni potenzianti ha generato e sta generando risultati molto importanti nella mia vita, basta pensare che ero uno studentello timidissimo ai tempi della scuola mentre ora sono uno speaker radiofonico, rappresentante degli studenti del corso di laurea del mio anno accademico e nel prossimo futuro potrei condurre un programma televisivo presso una tv locale,non male per uno che non riusciva nemmeno a guardare le persone negli occhi quando parlavano, intendiamoci NON SONO NESSUNO, ma questo è per rispondere a quei 2 “professoroni” dei commenti precedenti che senza un briciolo di conoscenza e di sperimentazione diretta mettono in guardia altre persone da uno “stile di vita” che potrebbe migliorare sensibilmente la qualità della loro esistenza come è successo con me. Domanda tecnica: per quanto adori esercizi come questo,o simili a questo(ad esempio di PNL), ottengo dei risultati discontinui nel tempo,a volte anche nel corso della stessa giornata, ad esempio potrei fare quest’esercizio ora e sentirmi benissimo, dopodichè potrei rifarlo tra 4 ore e non sortire alcun effetto, come se fosse privo di intensità emozionale, provocando per contro anche un pò di irritazione e frustrazione a dirla tutta, per cui ti chiedo: quali potrebbero essere gli errori che si commettono in genere nel corso di esercizi come questi e come evitarli? Ci sono delle accortezze particolari su cui porre maggiormente l’attenzione per una corretta esecuzione? P.s. Non ho mai frequentato corsi dal vivo, ho per lo più praticato da solo in base a qualche libro, anche se recentemente sono diventato cliente dello Zio Hack ma devo ancora acquistare il famoso VCD

    • Ciao Emanuele, grazie per i complimenti e grazie per la testimonianza.
      ricordiamoci che “u professore” è sempre “u professore”.. e sono della stessa palta dei debunker… quindi non badiamo a loro e andiamo oltre.
      Per quanto riguarda la tua domanda: l’immagine di se dovrebbe essere un esercizio sul lungo periodo… diciamo che i 21-30 giorni sono il risultato della distribuzione gaussiana con cui di solito si ottengono risultati. quindi il mio consiglio è di farlo come abitudine fino a quando serve e poi fermarsi.
      Fare l’immagine di se per migliorare il proprio stato nel “momento” non è – per mia esperienza – l’esercizio migliore (= più efficace / veloce / etc etc). consiglio piuttosto di crearsi un’ancora (PNL), fare esercizi di alta performance del New code, Eft, routine energetica… e tutte quello che tipicamente migliora lo stato psico-fisico-attitudinale (ce ne sono decine)
      se invece vedi che l’immagine di se è molto più faticoso e poco stimolante… potrebbe (la butto li alla cazzo – ogni caso è a se) essere un disallineamento tra intenzione conscia e inconscia (usa EFT / New Code / 6 step reframe per allineare) che ti da il messaggio in quel canale.
      non vedendoti non posso dire con certezza, ma questa è una direzione che puoi investigare.

      Studiare su libri / video è secondo me OTTIMO. non si spendono tanti soldi, si va alla fonte delle cose e ci si può prendere tutto il tempo per praticare fino a quando si imparano le cose. Un corso dal vivo è un salto quantico, ma non sempre si è pronti e se non si fanno gli esercizi dopo spesso non si porta a casa quanto si potrebbe. Per questo motivo per la PNL di solito consiglio Libri video e solo MOLTO dopo un corso dal vivo… (vedi questo articolo https://www.cocooa.com/quanto-costa-imparare-pnl/)
      VCD 2003 dello Zio Hack è FA VO LO SO e c’è un esercizio sull’immagine di se… la versione 2009 che vende adesso ha un programma abbastanza diverso e non ricordo se ha l’immagine di se. So che Hack ci legge quindi lascio a lui i commenti dei suoi prodotti.

      Se ci sono

      • Sei stato gentilissimo a rispondermi e molto esaustivo, di fatti sto prendendo l’abitudine di fare un giro di EFT prima dell’esercizio e devo dire che, in particolare 2 giorni fa, la combinazione è stata straordinaria. In effetti mi piacerebbe crearmi un’ancora ma non ci sono ancora riuscito, anche perchè molti esercizi proposti su quel tema implicano la rievocazione di “memorie piacevoli” ed io, a parte qualche immagine nemmeno ben definita, non riesco a “sentirle” emotivamente come vorrei, e in effetti l’immagine dell’io mi piace proprio perchè ,quando “si decide a funzionare”, mi permette di creare stati d’animo di felicità “ex novo”, ed oggi fra parentesi è uno di quei giorni in cui non vuole funzionare :-) . Un’altra domanda in merito: mancanza di sonno e stanchezza accumulata possono inficiare il buon esito degli esercizi? Comunque mi hai incuriosito molto quando hai citato gli esercizi di alta performance del New code, nonchè l’uso di quest’ultimo per allineare, hai qualche fonte da suggerirmi sull’argomento?

        • Prego!
          Non devi per forza ancorare stati risorsa presi dal passato… se crei stati soddisfacenti (qualsiasi cosa sia per te questa cosa) puoi ancorare questo stato… ma senza dover far cose strane: come è il tuo corpo prima? come è dopo? riesci a calibrare delle differenze in postura/ pensieri/ whatever?
          La mancanza di sonno e accumulata dipendono dalle persone (anzi in africa con la deprivazione del sonno hanno visioni mistiche) tipicamente – essere stanchi e disidratati NON aiuta… il tuo corpo sta già facendo altro ( nello specifico= far funzionare bene tutto nonostante manchino dei pezzi).
          sull’utilità del sonno nell’apprendimento ne avevo parlato sonno apprendimento

          Per il New Code: ci sono due libri in italiano di frausin, uno chiamato appunto “Nuovo Codice PNL” (recensito qui), uno chiamato “Tutto quello che avreste voluto sapere sulla PNL Ma non avete mai osato chiedere”(recensito qui) – e poi ovviamente Whispering in the wind… che però non è proprio una lettura facile per iniziare e si apprezza davvero solo dopo il corso dal vivo.

  • CIAO MANOLO, COMPLIMENTI PER IL TUO LAVORO. VOLEVO CHIEDERTI SE ERA SUFFICIENTE PER IL METODO SILVA IL VCD 2003 DI ZIO HACH. GRAZIE MILLE. O IN ALTERNATIVA, LA LETTURA DI QUESTI DUE LIBRI.

    • Premetto che ADORO VCD 2003 dello Zio Hack e che mi ha aperto un mondo quando me lo sono visto ormai più di un decennio fa, per il mio modo di appredenre (un poco al giorno) è meglio iniziare con MEMO e/o Mente Alfa che sono più sistematici nell’insegnamento e poi nel caso se ne volesse ancora prendere i prodotti avanzati di hack. Rimane il fatto che lo zio è uno dei migliori “Silvani” in circolazione.

    • Ho letto qualcosa di Seligman tantissimo tempo fa e mi era piaciuto. il fatto che non mi ricordo adesso il titolo però significa anche che non mi ha impattato cosi tanto :-) per la PNL direi di leggere IN INGLESE.

          Use your brain for a change – recensito qui
          frog into princes
          tranceformation
          Persusion engineering
          Tutto quello che avresto voluto sapere sulla PNL… di Frausin – recensione qui

      Solo a quel punto ti sei fatto un’idea della PNL e puoi andare avanti a decidere cosa o dove studiare (tipo Whispering in the wind).

      un alternativa più veloce ed economica
      – è CorsoPNLOnline.com – con cui ormai collaboro da un po’ di anni e secondo me è proprio un bel prodotto… ma è come chiedere all’oste se è bono lo vino… Prova il primo mese e poi decidi tu se è davvero così.

Cocooa.com