Cocooa.comMiglioramento personale per chi non cerca scorciatoie
In un mondo di Troll, sii una Driade
Cássio Vasconcellos - Dryads #8
Home » I migliori articoli » In un mondo di Troll, sii una Driade

In un mondo di Troll, sii una Driade8 min read

L’articolo di oggi è un qualcosa che stavo maturando da anni. Sono stato testimone della nascita di molti usi e costumi di internet commerciale (navigo da metà anni 90) e quindi sto notando la piega verso il malsano che hanno preso i social, tanto da rendere molti gruppi tossici. E non sto parlando solo di fake news e hate speech, ma di un fenomeno molto più pervasivo come il trolling, spesso praticato anche da personaggi famosi, che per 10 like in più non mancano di essere i capo branco di un certo tipo di cyberbullismo.

In questo articolo quindi inquadro il mio punto di vista, segnalo dei motivi perchè si trolla, espando il discorso e propongo alcuni passi per guarire tutti da sta cosa.

Ho usato come metafora del cambiamento in contrasto con il troll la Driade, essere tendenzialmente benefico.

Ultima cosa: ho usato molti termini in inglese, dato che non esiste un corrispettivo in italiano, e alcuni non gli ho spiegati subito: a piè pagina ci sono note, spiegazioni e link, ma adesso partiamo!

Chi/ Cosa è un troll su internet

In gergo giovane, un Troll è quella persona che sui social commenta con maleducazione, senza capire di cosa si parla col solo obiettivo (conscio o meno) di creare disturbo.

Questa è la loro raffigurazione moderna:

Quella che vedete è una Troll face, meme che indica una missione di trollaggio riuscita.

Troll nella letteratura del fantastico

Se come me siete cresciuti inflenzati da D&D e i giochi di ruolo sapete benissimo che nella letteratura del fantastico un troll è un essere dal basso quoziente intellettivo che è sempre alla ricerca di saccheggi. Avversario duro per i principianti è invece un target dei giocatori intermedi perchè fa accumulare esperienza facilmente.

Direi che raramente la metafora è cos’ ben isomorfica con la realtà come in questo caso.

Questa è la raffigurazione di un Troll nel mondo fantasy.

Perchè si trolla?

Trollare è per certi versi divertente, così come è divertente quando hai 5 anni e distruggi il castello di sabbia che il tuo vicino di ombrellone ha lasciato incustodito.

A volte è anche un metodo più sottile per far capire (“perculare”) a chi ha meno argomentazioni di te che gli “sei superiore”.

C’è ovviamente da aprire un capitolo su questo sentirsi “superiore”, ma lo lasciamo per il futuro.

Ragioni per cui si trolla

Trollare è:

  • Divertente se fatto ogni tanto.
  • Soddisfacente se è il vostro unico modo di difendere le vostre idee.
  • Facile: trollare è facilissimo dato che è pieno di persone che nutrono i troll.
  • Malsano perchè diventa un’abitudine anche fuori dai social.
  • Socialmente pericoloso se diventa la nuova norma per troppe persone
  • Depotenziante, dato che esistono molti altri modi per argomentare. Essi sono più complessi da imparare ma ti rendono una persona più intelligente. E come sappiamo una cosa a cui è difficile accedere è forza di cose meno utilizzata.
  • Pericoloso perchè il trolling è il primo passo nel mondo del cyberbullismo, impersonificazioni, doxing, dogpilling/shitstorming, hate speech e altre schifezze come il revenge porn.

“Blastare come se non ci fosse un domani”

Molto spesso non basta aver ragione per non essere dalla parte del torto.

Bisogna anche essere gentili.

Se sei un personaggio pubblico il blastare pubblicamente sempre e comunque chi dice cose diverse “non è da figo, ma da coglione” (cit.)

Non faccio nomi, ma sapete di chi parlo.

Sull’essere gentili ne parliamo più sotto. Continuamo ancora un po’ con il sottobosco del trolling e dei suoi derivati.

  • Il rovinare un’argomentazione col solo obiettivo di essere il vincitore è positivo solo se vivi di Like e condivisioni.
  • E’ molto più facile polarizzare che cercare di costruire ponti e ascoltare l’altra parte.
  • E’ molto più facile portare a sè una parte del pubblico e fare in modo che siano queste a compiere atti contro l’etichetta che far ragionare l’altra parte.
  • Non sto dicendo che bisogna sempre ascoltare, ma un po’ di educazione, meno boria e violenza verbale potrebbero fare miracoli. Maltrattare chi non la pensa come te (blastare), aizzare le folle contro queste persone (shitstorming), rivelare dati di una persona col solo obiettivo di virare la discussione dai contenuti alla persona (Doxxing) anche se hai ragione non ti rendono migliore della persona che hai condannato.

Attenzione NON sto dicendo che trolling, Blasting e cybullismo siano la stessa cosa: non lo sono.

Ma se guardiamo un livello di pensiero più in alto nella gerarchia è abbastanza facile vedere che le ragioni per cui si fanno queste cose hanno dei pattern in comune.

Come posso argomentare senza diventare un troll?

L’argomentazione e la discussione NON sono mai trolling.

Esistono vari modi per argomentare senza essere aggressivo.

Empatia è la parola chiave

Buona parte di quelli che seguono i “blastatori” non sono diversi dai troll. Ok forse hanno ragione dal punto di vista scientifico, ma maltrattare le persone solo perchè sono dietro a un monitor è un atto da vigliacco e da bullo.

Trasformiamoci in Driade.

Una driade, disegno di CS Lewis dai suoi libri “cronache di Narnia”

Di contro nella letteratura fantasy e nei giochi di ruolo una Driade è un essere dotato di grande intelligenza, amore per il prossimo, carisma. Sono tipicamente raffigurate come ninfe e vivono in simbiosi con gli alberi.

Nonostante questo aspetto “new age” sono avversari durissimi da affrontare.

La difficoltà di essere Driade in un mondo di troll

Molti di noi non sono abituati a pensare prima di parlare, esporre un pensiero in maniera coerente per punti non ci viene insegnato da nessuna parte, non siamo formati in scoprire fallacie logiche, adesso c’è anche la moda di triggerarsi / offendersi per ogni affermazioni… Fortunatamente siamo essere umani e da migliaia di anni sopravviviamo perchè abbiamo cura del nostro prossimo.

Ricordiamoci questo: dall’altra parte del monitor c’è un essere umano, forse è uno stronzo, forse è un bullo, ma forse non è nulla di tutto questo

Come diventare Driade

  • Evitare le discussioni quando possibile.
  • Ricordarsi che dall’altra parte c’è un essere umano.
  • Distinguere la persona da quello che dice questa persona.
  • Prendere in considerazione che non potremmo avere torto.
  • Essere in grado di ammettere ignoranza su un argomento (o, sia mai!, essere in errore)
  • prima di cliccare invio su una risposta, chiedersi se quello che dici migliora la qualità della discussione, migliora la vita di chi legge e sopratutto migliora la tua di vita.

Domande per valutarsi

  • quante risposte dai sui social?
  • con quale intenzione sto rispondendo? (approfondimento: modello intenzione > conseguenza del new code)
  • Mi esprimo bene abbastanza da farmi capire?
  • Ho abbastanza empatia e pazienza?
  • Mi rendo conto che potrei anche aver mal interpretato?

Ma se i troll continuano ad attaccarmi?

Per prima cosa mi domanderei che responsabilità abbia io per essere circondato da troll.
Hai un hobby in cui tutti sono incazzati e triggerati? Valuta di trovare anche altri hobby, abbandona le pagine più tossiche, Fai tua la missione di diventare driade e mediare prima che l’ambiente diventi troppo velenoso.

Su facebook esiste una bellissima funzione che ti permette di impedire che i tuoi amici più fastidiosi ti appaiano sulla bacheca. Quando una persona posta DUE volte qualcosa che ti risveglia gli istinti omicidi toglilo. Lui non lo saprà mai, potrai comunque scrivergli e ricevere messaggi.

Alcuni termini che hanno bisogno di spiegazione

Vi avevo promesso una spiegazioni veloce di alcuni termini.

Cosa vuol dire Troll

un Troll è quella persona che sui social commenta con maleducazione, senza capire di cosa si parla col solo obiettivo (conscio o meno) di creare disturbo.

Cosa è il Cyberstalking?

Il cyberstalking è una delle forme più pericolose di molestie su internet dato che sono ad alto rischio di creare danni alla persona

Cosa è l’impersonificazione?

Creare profili social falsi impersonificando un’altra persona con lo scopo di creare danno. Nel caso di vip ci si può accorgere grazie alla spunta di fianco al nome, per noi comuni mortali è molto più difficile

Cosa è il doxing?

Qualcuno dice cose che non ti piacciono? metti i suoi dati personali (telefono, indirizzo…) alla berlina di tutti e ti puoi aspettare le peggiori manifestazioni dell’essere umano. Anche quando i dati di questa persona sono pubblici, il semplice fatto di metterli in un contesto che ne moltiplica la portata è un grosso danno.

Cosa è lo swatting?

In italia è un fenomeno molto limitato, ma negli usa sono successi vari casi in cui si denuncia qualcuno che ha fatto un torto online (anche una semplice vittoria a un videogioco) per un reato grave tipo omicidio, spaccio, violenza domestica, terrorismo. Inutile dire che i rischi correlati all’avere un’irruzione, anche finta, in casa sono altissimi.

Cosa è il dog piling / shitstorming ?

Succede quando qualcuno dice / fa qualcosa su cui non si concorda, e il commento e/o l’autore ricevono centinaia di commenti e insulti di gente rabbiosa. L’obiettivo è di farti desistere, impaurirti, rendere inutilizzabile l’account o semplicemente mostrare la forza del branco. Nulla di nuovo, ma spaventoso se si pensa la leggerezza con cui molti “influencers” usano la loro forza.

Chi è un Driade

Driade è il termine che uso io per indicare le persone che scrivono non solo per aver ragione, ma lo scrivono anche con gentilezza ed empatia. Sono l’opposto delle persone che fanno troll.

Link

Scritto da
Manolo Macchetta
Unisciti alla discussione

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Cocooa.com