Matteo Ficara – Le stanze dell’immaginazione (video recensione)

Scroll this

Parliamo di un libro che ormai ho letto da qualche mese: Matteo Ficara – Le stanza dell’immaginazione

Di questo ne avevo parlato ormai un 10 mesi fa sul Cocooa.Book.Club di Luglio 2016 –  Ne parlo ancora con una recensione approfondita perchè il libro ne merita una. Sia perchè Matteo è un amico sia perchè il libro ha molti spunti interessanti che potrebbero piacere ai fan del Silva Method / Mente Alfa / Immaginazione Creativa.

Matteo Ficara – Le stanza dell’immaginazione: partiamo subito con le cose che mi sono piaciute.

L’edizione.

E’ vero che un libro non si giudica dalla copertina, ma un libro ben impaginato, con bella tipografia, copertina favolosa fa un altro effetto, e immagini che abbia un costo fare le cose bene. Bravi quelli di Spazio Interiore che investono in qualità (lo avevo già detto quando ho parlato del libro di Straussman: DMT la molecola dello Spirito ).

La sfida della lettura

Abituato come sono al modo asciutto ed essenziale con cui si esprimono gli anglosassoni, leggere un libro di una persona con cultura classica è sempre sfidante, in alcuni casi la scrittura troppo barocca rovina l’esperienza di lettura (vedi il libro di Carr – 5 lezioni sulla storia) altri casi (come questa) gli da del carattere.

I contenuti

Se questo libro fosse uscito nel 1997 quando ero affamato si Silva method e non riuscivo a trovare nulla sarebbe stato il mio libro preferito per molti anni. Adesso sono passati 20 anni e la mia fame di conoscenza si è spostata (anche) su altre cose.

Il libro rimane molto interessante per le metafore, numerose e molto forti per lavorare col proprio inconscio. Il fatto che vengano utilizzate 9 stanze come miccia per acce(n)dere alla propria metafora personale è un tocco di genio. Non mi stupisco che le stanze stesse siano state create da Matteo durante una sessione di rilassamento.

Il protocollo di lavoro

Dal mio punto di vista, non è da sottovalutare il valore che ha una procedura ben fatta per chi si avvicina a questo tipo di discipline ed anzi degli esercizi ben codificati sono per me segno di un buon lavoro di progettazione del corso.

E’ una cosa che apprezzeranno tutti? Non credo, comprendo che siamo tutti diversi e che altri amino molto di più libri con frasi motivanti e sul “sentire”… senza mai scendere nello specifico.

Cosa mi preme dire sul libro prima che lo prendiate

Dato che con Le stanza dell’immaginazione si lavora su metafore autogeniche, cioè metafore auto-generate, la voglia di dare un’interpretazione è forte, fortissima. Nella presentazione a cui ho partecipato ho visto varie persone che chiedevano lumi. Matteo è stato chiaro nella presentazione dicendo che le metafore sono personali, ma mi preme ribadire il concetto.

Le metafore di questo tipo parlano a un livello diverso dal normale dialogo (analitico) tra persone e voler leggere troppo in esse, o incaponirsi in un’interpretazione con la parte analitica non lo reputo un approccio sano.

Così come mi preme di mettere in guardia dal rivelare le proprie metafore a pseudo-guru per farsele interpretare.

A chi lo consigli:

Matteo Ficara – Le stanza dell’immaginazione lo consiglio a tutti quelli interessati a lavorare con le visualizzazioni, a quelli pronti ad accettare consigli dal proprio inconscio anche se non si è capito cosa significano :-)

Per questo motivo gli do un bel 4 stelle su 5!

 

 

 

Ottimo libro che si innesta nel filone del "Silva Method"
  • Voto Finale

Riassunto

Matteo Ficara - Le stanza dell'immaginazione lo consiglio a tutti quelli interessati a lavorare con le visualizzazioni, a quelli pronti ad accettare consigli dal proprio inconscio anche se non si è capito cosa significano :-)

4.0
User Rating 4 (1 vote)
Sending
Comments Rating 0 (0 reviews)

Submit a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sending

shares