Cocooa.comMiglioramento personale per chi non cerca scorciatoie
Reframe: Il sogno del sultano
Foto di Ignacio Palés da Pexels
Home » Miglioramento » Reframe: Il sogno del sultano

Reframe: Il sogno del sultano2 min read

L'articolo in due parole:

Prima o poi vi parlerò dei reframe dal punto di vista della PNL. Per ora vi lascio a una storiella con morale ed un esempio di re-frame

Prima o poi vi parlerò dei reframe dal punto di vista della PNL (che stiamo ripassando nei gruppi di pratica di PNL). Per ora vi lascio a una storiella con morale ed un esempio di re-frame.
La storia non è mia e l’ho recuperata su un txt vecchio di 5 anni. Chiedo venia fin da ora all’autore.

Il sogno del Sultano.

Un sultano sognò che aveva perso tutti i denti. Al risveglio mandò a chiamare un saggio perché interpretasse il suo sogno.

“Che disgrazia, Mio Signore!” – esclamò il saggio – “Ogni dente caduto rappresenta la perdita di un parente di Sua Maestà.”

“Che insolenza!” – gridò il sultano – “Come ti permetti di dirmi simili cose? Fuori di qui!”

Chiamò le guardie e ordinò che gli dessero 100 frustate.

Più tardi ordinò che gli conducessero un altro saggio e gli raccontò il suo sogno.
Questi, dopo aver ascoltato il sultano con attenzione gli disse: “Eccelso Signore, Grande felicità Vi è stata riservata. Il sogno significa che sopravviverete a tutti i vostri parenti!”

Il viso del Sultano si illuminò con un grande sorriso e ordinò che gli venissero date 100 monete d’oro.

Mentre il saggio stava per uscire dal Palazzo, uno dei cortigiani gli disse ammirato: “Non è possibile! L’interpretazione che avete dato del sogno è la stessa del primo saggio. Non capisco perché il primo è stato ripagato con 100 frustate e voi con 100 monete d’oro.”

“Ricorda bene amico mio, – rispose il secondo saggio – che tutto dipende dal modo che usi nel dire le cose… Una delle più grandi sfide dell’umanità è apprendere a comunicare; dalla comunicazione  dipende, molte volte, la felicità o la disgrazia, la pace o la guerra.  Che la verità debba essere detta in qualunque situazione, non c’è dubbio, ma il modo in cui viene comunicata è ciò che provoca, in certi casi, grandi problemi.  La verità può essere paragonata ad una pietra preziosa. Se la lanciamo contro il viso di qualcuno, può ferire, però se la incartiamo in una carta delicata e la offriamo con tenerezza, certamente sarà accettata con gratitudine.”

Foto di Ignacio Palés da Pexels

Scritto da
Manolo Macchetta
Unisciti alla discussione

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Cocooa.com