Cocooa.comMiglioramento personale per chi non cerca scorciatoie
Come fare un buonissimo “Frullato D’autunno” in meno di 5 minuti
Home » Miglioramento » Corpo » Come fare un buonissimo “Frullato D’autunno” in meno di 5 minuti

Come fare un buonissimo “Frullato D’autunno” in meno di 5 minuti4 min read

L'articolo in due parole:

Ricetta per preparare un Buonissimo (e sanissimo) Frullato D’autunno in meno di 5 minuti ! Kaki, mandarini, Uva, semi vari. UNA BOMBA !

Dato che so che molti di voi amano farsi i frullati (se non li fate… iniziate!) vi do la ricetta del mio amico Stefano per un frullato tipicamente autunnale. Ottimo da fare ai bambini per il suo colore vivo e la sua dolcezza, nonché per il suo aspetto salutare. Perfetto da preparare a quelli per cui la consistenza dei kaki può essere un problema (come me da bambino).

Aggiornamento Autunno 2011: La Variante al limone

Cosa serve per fare IL frullato d’autunno?

Ingredienti per 2 persone:

– 1 Kaki

I cachi sono ricchi di potassio, vitamine e fruttosio. Sono diuretici e lassativi, ottimi per la linea e per chi ha problemi ad andare di corpo. Il Kaki (pianta) è molto resistente ai parassiti e quindi risulta essere una delle piante meno trattate con antiparassitari.
Una caratteristica curiosa dei cachi è che non vanno mangiati appena raccolti. Quando sono maturi, infatti, sono ricchi di tannini che hanno l’effetto di “legare la bocca”. I tannini scompaiono dopo poco tempo (quando il cachi incomincia a “smollarsi”). Anche se non piacciono (per consistenza o altro) sono un’ottima base per  ogni buon frullato d’autunno.

Per vedere cosa contiene un kaki -> https://ricette-calorie.com/valori-nutrizionali/cachi.php

frullato_autunno_kaki

– 2 Clementine

conferiscono un pizzico di acidità, che è il perfetto complemento del kaki.
Valori Nutrizionali dei Clementini -> https://ricette-calorie.com/valori-nutrizionali/clementine.php

frullato_autunno_due_clementini

– 1/3 di grappolo d’uva

Dell’uva abbiamo già parlato tanto. Le ricerche scientifiche hanno evidenziato che, grazie alla presenza di sostanze appartenenti ai polifenoli, questo frutto ha effetti anti-ossidanti. All’estratto dei semi d’uva è associato, inoltre, un effetto anti-mutageno. I mutageni sono agenti o fattori che possono causare mutazioni del patrimonio genetico. No, l’effetto mutageno non è quello di Wolverine bensì quello che succede, per esempio, a furia di inalare fumo di sigaretta. I mutageni possono avere un ruolo importante nello sviluppo di alcune malattie croniche degenerative. Si suppone che, per le loro qualità, i semi d’uva possano aiutare a prevenire tali malattie. [fonte wikipedia].

Detto ciò prendete UVA BIOLOGICA, dato che la vite risulta una delle piante più “spruzzate” dagli agricoltori (meno del’1% si salva!!)

Valori Nutrizionali -> https://ricette-calorie.com/valori-nutrizionali/uva.php

– Semi vari (Lino e/0 Girasole)

Mettete quelli che più vi piacciono. Secondo me i Semi di Lino si sposano meglio col resto degli ingredienti.

I semi di girasole sono buonissimi anche da soli. Sono calorici, hanno molte proteine (20-28%), carboidrati (23,5%) e, sopratutto, un insospettabile patrimonio vitaminico, uno dei più elevati del mondo vegetale. In particolare, nei semi di girasole troviamo la rarissima vitamina B12 (4 mcg), pressoché assente negli altri alimenti di origine vegetale, e un contenuto record di vitamina B1 (1,36-2,2 mg). Vitamina A (40 mcg), D (22 mcg), E (31 mg) e PP (3,3 mg). Il livello di sali minerali è inferiore solo a quello del sesamo. L’acido clorogenico protegge l’organismo agendo da antibatterico e anti-infettivo, il che è perfetto per questa stagione :-)
Valori nutrizionali dei semi di girasole -> Link

frullato_autunno_Semi_vari

Il sesamo è caratterizzato da un elevato contenuto di proteine (18,7%), grassi (53,5%) e carboidrati (15,6%), e da un contenuto record di calcio (815 mg), fosforo (477 mg), magnesio (815 mg), ferro (20,1 mg), vitamina B1 (0,92 mg), B2 (0,47 mg) e PP (6,9 mg). Unico inconveniente di questo prezioso seme oleoso è rappresentato dalla presenza di sesamolo, una sostanza potenzialmente cancerogena che si forma durante il processo di tostatura. Per ridurre al minimo la sua presenza è però sufficiente effettuate una tostatura leggera, in modo da evitare la formazione di sostanze tossiche. Ma tanto noi li mangiamo crudi… o no? (è una domanda – non sono tostati quelli che si trovano in giro,vero?)

Valori Nutrizionali semi lino -> Link

– Frutta secca (facoltativa)

Come si prepara

Come ogni frullato, è facilissimo da preparare: spelate il kaki e le clementine e buttate tutto nel frullatore. Mentre mescolate, lavate l’uva (se vi danno fastidio i semini, mondatela), aggiungete qualche acino, mescolate e assaggiate. Decidete se ci vuole più uva o meno ( i gusti sono personali, kaki, clementine e uva sono perfettamente in equilibrio tra di loro, come gusto). Buttate semi e uva secca a gradimento. Attenuano un po’ il gusto, ma ci stanno bene.  Se risulta troppo denso (può capitare se si esagera coi semi di girasole e con la frutta secca) si può aggiungere un po’ d’acqua, ma non esagerate ché questo frullato è ottimo anche da “gnucco” :-)

Vi è piaciuto?? Avete suggerimento e aggiunte?? Commentate!

Frullato D’autunno: Variante al Limone

A inizio Stagione è difficile (impossibile) trovare delle clementine che non siano di importazione. La variante è:

Kako + limone + uva + doppia dose di acqua + (semi facoltativi)

Come si prepara:

Spelate il Kaki e mettetelo nel frullatore, spremete 1/4 di limone per iniziare (oppure – anche meglio tagliate la polpa dalla buccia e aggiungetela al cachi), mettere Uva (abbondate pure) + acqua (3/4 di bicchiere).  Assaggiatelo, è molto più liquido della versione originale, meno “potente”, ma fresco e piacevole al palato.

Scritto da
Manolo Macchetta
Unisciti alla discussione

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

15 commenti
  • Buonissimo il tuo frullato!
    Da’ un’incredibile carica energetica.

    P.S. I semi di sesamo che si trovano i commercio sono crudi. Una volta tostati il sapore cambia molto e secondo me in un frullato sarebbero troppo “forti”.

  • Molti, uno su tutti Robbins, sostengono che fare colazione con un frullato di frutta non sia una buona idea.
    Il motivo principale credo sia la botta glicemica che da.

    Tu cosa ne pensi?

    Che tipo di dieta segui?

    Grazie!

    • Ciao Paolo,
      grazie per il messaggio

      non seguo nessuna dieta in particolare, anche se sto andando la direzione del “tendenzialmente crudista”.

      La colazione con la frutta non la faccio cosi spesso ( di solito mischio verdure nei frullati…)

      La botta sull’indice glicemico può essere vera, ma non sono sicuro che sia una delle cose di cui voglio tenere conto al momento… sono molto più perplesso sulla sofisticazione degli alimenti.

      ti aggiornero!

  • Sempre io….
    personalmente, sono diventata dipendente da un centrifugato: due mele + un quarto di limone biologico (con tutta la buccia)…
    è una GO-DU-RIAAAAA!
    Provalo!

    Saluti, Felicia

  • Ci provero, ricordo che i miei esperimenti con buccia di limone sono tutti miseramente falliti, ma non avevo mai messo cosi tanta mela! grazie mille!

    m

  • Fatto senza frutta secca poiché non l’ ho trovata dal mio fruttivendolo. Ma è comunque venuta buonissima!!! Se non fosse che l’ uva che ho preso aveva asteroidi al posto dei semini…=) ma anche così era una goduria…

    • Grazie per la fiducia, Tiago !

      Eheheh – ho notato anche io che i chicchi diventano asteroidi se messi nel frullato :-)
      hai provato quello con le bacche di Acai ?

Cocooa.com