Approfondimenti

Lo Stoicismo: come una filosofia vecchia di 2000 anni potrebbe essere la soluzione a molti problemi moderni.

 Possa avere io il coraggio di cambiare le cose che posso cambiare,
La serenità di accettare le cose che non posso,
e la saggezzo per riconoscere la differenza tra le due.

Reinhold Niebuhr

Stoicismo: E' ormai qualche anno che, nei siti americani, vedo citato sempre più spesso il libro "Meditations" (che italiano ha tra gli altri titoli: Colloquio con sé stesso) di Marco Aurelio, e stanno anche incominciando a uscire dei libri e articoli che richiamano questa filosofia stoica (tra i più pops mettiamoci: Ryan Holiday, Mark Mason e anche Tim Ferris, se vogliamo andare sullo psicologico: Albert Ellis e la Cognitive Behavioural Therapy ).
Anche se l'ondata della moda della Mindfullness non accenna a finire, sono sicuro che questo reboot dello Stoicismo sarà una delle prossime cose ad arrivare anche qui.

Su cocooa.com leggete tutto prima che lo sappiano gli altri :-P

Vi faccio un piccolissimo cappello introduttivo storico sui tempi in cui si è sviluppata la filosofia storica e poi andiamo subito su qualcosa di più pratico.

Stoicismo come movimento filosofico Ellenico e Romano.

Stoicismo - foto di Marco Aurelio Equestrian Statue of Marcus Aurelius, Palazzo dei Conservatori, Musei Capitolini, Capitoline Museums,

Se, come me, durante le lezioni di filosofia, avresti preferito farti trapanare un orecchio piuttosto che ascoltare quel noioso e incomprensibile professore, è probabile che adesso necessiti di un riassunto del contesto storico.

Sarò brevissimo e indolore

300 AC, siamo ad Atene durante il picco della filosofia Ellenica. Zenone di Cizio fonda la scuola dello stoicismo, alcuni suoi discepoli si trasferiscono a Roma, cuore dell'impero e lasciano i semi che germoglieranno potenti per un paio di centinaia di anni: lo stoicismo romano raccoglie i famosi Epitteto, Seneca e appunto Marco Aurelio (parliamo qui di epoca romana dal 50 al 200 Dc quando Roma macinava come non mai - per un altro riferimento Giulio Cesare è del 100 AC).

fine pippotto storico :-)

Lo Stoicismo è spesso equivocato

Quando si dice che una persona è stoica, di solito intendiamo dire che è passiva, tollera tutto senza farsi domande e senza emozioni.

Il focus dello stoicismo è invece un altro: avere una vita migliore.
e non è essendo passivi o sopprimendo le emozioni che la si raggiunge.

Anzi.

Partiamo da tre discipline stoiche

  • Il desiderio - ovvero ciò a cui dovremmo o non dovremmo puntare
  • Azione - come dovremmo comportarci
  • Consenso - come dovremmo reagire alle azioni

da queste derivano una lunga serie ispirazioni.

Non tutto è sotto la tua sfera di controllo. Concentra le tue forze sulle cose che puoi gestire e non ti preoccupare del resto.

Esempio 1: l'aeroplano

Sali in aereo e soffri per tutto il viaggio... che senso ha tutto questo?  A meno che tu non sia il pilota dell'aereo la tua preoccupazione di evitare delle catastrofi non incide sul volo ma ti fa consumare energie impedendoti pure di goderti il viaggio (qualche ora a leggere / vedere un film senza che nessuno ti chiami e che abbia bisogno di te...)

Quello che era in tuo potere: scegliere la compagnia aerea, gli orari, gli scali, i libri da leggere in volo è stato fatto, e adesso devi solo fare affidamento ai piloti, che facciamo il loro lavoro.

Esempio 2: lo sport

Faccio un esempio con qualcosa di più personale: come chi mi legge da un po' pratico brazilian jiu-jitsu (una specie di judo). La mia età, la mia conformazione fisica e altre decisioni della vita mi impediscono di allenarmi tanto da aspirare di diventare un campione.

Non mi impediscono però di andare ad allenarmi tutti i giorni, di studiarmi le tecniche, prendere appunti, di stare attento a non fare male a nessuno dei miei compagni di allenamento e dare il massimo in palestra.

Certamente mi spiace non andare ai mondiali/europei/Italiani per vincere delle medaglie, ma penso che sto facendo tutto (o per lo meno molto di) quello che mi è possibile nel mio campo di manovra.

A questo punto mi è facile accettare i risultati con felicità.

Sono meno felice quando salto gli allenamenti, mangio male, vado a letto tardi quando l'indomani devo andare in palestra. Questo cose sono sotto il mio controllo.

Parte Teorica sulla filosofia Stoica Classica

Filosofia classica

vi annuncio che le prossime 20 righe sono un pippotto - salta alla parte pratica -

La filosofia classica si basa sue 3 pilastri principali (Topoi):

  • La logica (cioè come conosciamo)
  • La fisica (l'oggetto del conoscere)
  • l'etica (la condotta)

Essi portano una similitudine : la logica è il recinto che delimita il terreno, la fisica l'albero e l'etica è il frutto

La Logica Stoica nel dettaglio

Gli stoici hanno portato dei contribuiti importanti sia nella gnosologia sia nella logica vera e propria. Gli stoica, pur avendo in mente l'immagine del Saggio che tutto sapeva, erano a conoscenza che nella pratica i miglioramenti erano progressivi. Questo concetto che è molto moderno sarà una delle carte che aiuterà questo reboot dello stoicismo a vendere in questi anni 10.

Gnosologia

Gli stoici distinguevano la "conoscenza" in

  • Opinioni (debole o addirittura falsa).
  • Comprensione (valore epistemologico intermedio).
  • Conoscenza (impressioni ferme che non possono venir alterate dalla ragione).

Logica

Gli stoici usavano 5 sillogismi basici e 4 regole che servono a ricondurre ogni sillogismo a uno dei cinque base. Hanno introdotto i modali (necessità, possibilità....) che usavano per proteggere il frutto del loro lavoro, ovvero l'etica.

Fisica

Per fisica si intende tanto le scienze naturali, quanto la metafisica e la teologia.

Gli stoici avevano l'obiettivo tarato sulla natura, il che implica che dovevano fare tutto quello che serviva per capirla il meglio possibile. Ciò implica anche che lo studio della natura non è il fine, ma il mezzo per vivere al meglio dentro questo ambiente. Adesso si direbbe approccio olistico, qualche decina di anni fa "cibernetico".

Etica

Come ho già scritto la filosofia Stoica, non è un argomento teorico, ma pratico. L'etica intesa come lo studio di come vivere la propria vita era il punto di fare filosofia.

Per gli stoici l'essere umano è per sua natura un essere con propensione allo sviluppo morale. Sviluppo morale inteso come:

  • Comportarsi per raggiungere i nostri obiettiviIdentificarsi con gli interessi delle persone
  • Essere in grado di districarsi tra le varie vicissitudini della vita

4 virtù cardinali dell'etica Stoica

Questo è esplicitato da 4 virtù cardinali:

  • saggezza pratica
  • temperanza
  • coraggio
  • giustizia

Le 3 discipline collegate

dalle 3 discipline collegate alle virtù appena citate

  1. Desiderio (Accettazione) (collegato al coraggio per seguire i piani della natura e alla temperanza per controllare le proprie pulsioni)
  2. Azione (filantropia) - l'essere umano è un essere sociale (questa è collegata alla giustizia)
  3. Assenza - accettare che le esperienze passate sono parte dell'esperienza e rifiutarle prima di emettere giudizi

Valore o Disvalore

Zenone nel suo scritto distinge tra

  • cose che hanno un valore (saluto, denaro, educazione) e
  • cose che invece tolgono valore (malattia, povertà, ignoranza). Queste vengono definiti "indifferenti": non contano davvero nel raggiungimento dell'etica.

Saggezza Stoica

Quadro di Jean-Léon Gérôme (1860) raffigurante Diogene

Quadro di Jean-Léon Gérôme (1860) raffigurante Diogene

La saggezza è solo quello che si vede da fuori dello stoicismo, ma è anche la cosa più facilmente vendibile, ed è infatti la cosa che al momento stanno spingendo in america.

La saggezza stoica consiste nella capacità di raggiungere la felicità, ed è per questo incentrata sull'atarassia, o imperturbabilità dell'animo, concetto derivante in gran parte dalla scuola cinica. Ad essa si approda innanzitutto diventando padroni di sé stessi. Secondo gli stoici, la volontà del saggio aderisce perfettamente al suo dovere (kathèkon), obbedendo a una forza che non agisce esteriormente su di lui, bensì dall'interno. Egli vuole quel che deve, e deve quel che la sua stessa ragione gli impone. Lo stoicismo non è dunque una sorta di esercizio forzato di vita, perché tutto, nell'esistenza del saggio, scorre pacificamente.

in soldoni: Non possiamo controllare o affidarci agli eventi esterni, soltanto a noi stessi e alle risposte che diamo - Molto moderno come discorso.

Insegnamenti dello stoicismo:

  • il mondo agisce in maniera propria
  • La nostra vita ha la durata di una scintilla nella storia.
  • Imparare quindi ad essere forti e controllarsi.
  • La fonte della mancanza di felicità dipende dalla nostra dipendenza impulsiva sui sensi invece che la logica.

Lo stoicismo quindi si fregia di non parlare di mille teorie sull'origine del mondo, ma di come agire sulle emozioni distruttive. Azione invece che chiacchere

Anche se le tre persone più famose sono stati i già citati Marco Aurelio (imperatore dell'impero romano), Epitteto che da schiavo liberato ha fondato la sua scuola e Seneca, la lista di re, presidenti, artisti e imprenditori che amano praticare lo stoicismo è incredibilmente lunga e variegata...

Studiosi dello stoicismo famosi

  • Federico il grande (re di prussia)
  • Michel de Montaigne (scritto e politico Francese)
  • George Washington (padre fondatore USA)
  • Thomas Jefferson (padre fondatore USA)
  • Adam Smith (economista)
  • John Stuart Mill (intelettuale)
  • Wen Jiabao, (primo ministro Cinese)
  • Elle MacPherso (modella)
  • Tom Wolfe (scrittore americano)
  • ...

Insegnamenti in pratica: allenati la percezione ad Evitare il bene e il Male.

Se siete afflitti da qualcosa di esterno, il dolore non è dovuto alla cosa in sé, ma alla valutazione che voi ne fate; valutazione che avete il potere di revocare in qualsiasi momento. - Marco Aurelio

Gli stoici erano maestri di trovare del buono anche nelle cose peggiori. Se sei appassionati di PNL e di reframe, questi sono un ottimo esercizio per allenare questa abilità

Nel libro Obstacle is the way di Ryan Holiday fa sua la frase (sempre di Marco Aurelio):

"L'impedimento all'azione fa progredire l'azione. Ciò che stà sulla strada diventa la strada."

Per il praticante dello stoicismo non c'è buono o cattivo, è tutta e solo percezione. Ma tu puoi controllare questa percezione e il modo in cui reagisci: "Occasione di imparare oppure motivo per buttarsi giù?"

Tutto è Effimero.

Sempre Marco Aurelio scrive a se stesso (vedi i link a fine articolo):

Alessandro il Macedone e il suo mulattiere morendo passarono alla medesima condizione: infatti o furono riassunti nelle medesime ragioni seminali del cosmo o furono dispersi, allo stesso modo, negli atomi - Marco Aurelio

E continua:

Che cosa, infatti, ti infastidisce? La cattiveria degli uomini? Considerati i termini del problema e cioè che gli esseri razionali esistono gli uni per gli altri; che la tolleranza è parte della giustizia; che sbagliano senza volerlo e considerato quanti già, dopo aver nutrito inimicizia, sospetto, odio, giacciono trafitti, ridotti in cenere, smettila, infine!
Per tornare nel contesto dell'esercizio. Ricordati che siamo piccoli di fronte al mondo e che le nostre vite durano nulla, i tuoi successi sono effimeri, e tu li possiedi davvero un solo istante.
Ma se siamo piccoli e tutto è effimero, cosa conta davvero?
Il presente conta! Essere una buona persona e fare la cosa giusta nel momento è quello che conta davvero (Ecco l'etica, uno dei tre pilastri della filosofia stoica che ho citato più sopra).

Stoicismo e forma fisica

Ho recuperato quello che diceva Epitteto, che disdegnava l'esercizio fisico per migliorare l'aspetto fisico...

Dato che questa frase era in contrasto con altri punti (miglioramento personale progressivo) ho investigato di più: ho trovato dei commenti ma nessuna citazione specifica. Se ne hai ti prego di scrivermi.

La frase di Epitteto sopra citata va completata. Vero che l'esercizio fisico per migliorare l'aspetto fisico è disdegnata, ma per lo stoico la forma fisica è molto i più di questo: è maestria, disciplina miglioramento e corpo e una mente in salute.

L'esercizio fisico crea persone con più energie e più propense a sopportare le eventuali sfide che la vita ti fa incontrare.

Marco Aurelio parla di come alzarsi la mattina e abbandonare l'abbraccio caldo del letto è un esercizio importante per fortificarsi... Più avanti ci sarà un'esercizio basato proprio su questo.

Perché lo Stoicismo è perfetto per il mondo moderno

ovvero Come lo Stoicismo può migliorare il mondo

Gli stoici erano onesti e critici con se stessi, cercavano la via del miglioramento e della pacatezza.

In questo mondo di Social Network con la gratificazione dell'istante, di Reality Show gridati, e della tracotanta di sapere già tutto, lo stoicismo potrebbe essere davvero una disciplina che cambia il mondo, una persona alla volta.

Se oltre agli aforismi e alla saggezza da biscotto della fortuna che posteremo su facebook esercitiamo l'etica, la fisica (intesa come conoscenza) e la logica (intesa come processi mentali) miglioreremmo tutti, migliorebbe la qualità della vita delle persone con cui interagiamo.

Ostacoli alla diffusione dello Stoicismo 2.0

Se è vero che lo stoicismo può essere la cura per alcune cose il più grosso ostacolo sarà la potenziale mancanza di empatia che una degenerazione dello stesso potrebbe creare.

E' molto facile che chi guarda solo la patina sopra le cose mette sullo stesso piano lo stoicismo allo sbattersene di tutti e tutto, con la scusante della filosofia.

I due principi per allenarsi allo stoicismo

esercizi-per-praticare-stoicismo

i testi stoici servono a far muovere le rotelline nel cervello: non sono quindi trattati tritamaroni come uno potrebbe aspettarsi.

Gli esercizi si basano su due principi cardine:

  • Auto Disagio
  • Auto Controllo

Autodisagio:  Praticare i tempi duri

"Anche nei momenti di tranquillità l'animo si prepari ai tempi difficili e quando va tutto bene si rafforzi contro i colpi della sorte. Il soldato fa le esercitazioni in tempo di pace, costruisce trincee quando non ci sono nemici e si sottopone a fatiche inutili per essere in grado di sostenere quelle necessarie" - Seneca

Seneca, consigliere di Nerone prima che questi lo obbligasse a suicidarsi, suggeriva di allenarsi alla povertà un tot di gioni al mese. Poco cibo, vestiti rovinati, lontano dalle comodità...

Chiediti quindi: E' questo quello di cui ho paura? Davvero sono schiavo di queste comodità? E' davvero così tragico se ne rimanessi senza?

Questo esercizio delle ristrettezze non è una metafora, ma qualcosa da vivere e provare sula propria pelle. Il confort è uno dei tipi peggiori di schiavitù perchè vivi nella paura costante che qualcuno o qualcosa te lo porti via. Se pratichi la via delle ristrettezze, questa paura viene dissipata.

C'è un detto che dice

Il denaro è un ottimo servo e un pessimo padrone.

vale per il denaro, ma anche per molte altre cose... L'esercizio qui di seguito serve proprio a questo: rompere le catene della schiavitù da un pessimo padrone e apprezzare quello che abbiamo

Esercizio:

  1. Prendi carta e penna
  2. Segna 5 cose che fai solitamente ma che potresti evitare senza che la tua vita cambi (non so: usare lavastoviglie quando puoi lavare i piatti a mano, far stirare i vestiti invece che farlo tu, prendere l'auto per fare 200 metri, preparare i cibi invece che prendere quelli pre-confezionati)
  3. Segna 5 cose che potresti fare in altra maniera ma che sono effettivamente è pesante/ uno sconfort (fare finta di non avere l'auto, vivere con il 50% dei soldi che usi di solito, Non usare l'ettricità per un giorno, fare le porzioni più piccolo del 25%, scendere una fermata del bus prima e farsi a piedi qualche Km per tornare a casa). Scrivi le tue aspettative di quando viene a mancare l'appagamento di un bisogno primario.
  4. Dalla prima lista segnati una cosa e prendi l'abitudine di farla in maniera diversa / non farla proprio, almeno fino a quando ti diventa indifferente quale dei due modi utilizzi.
  5. Dalla seconda lista segna qualcosa che puoi fare una vola la mese per allenare il muscolo delle ristrettezze. Praticalo almeno 6 mesi -Rileggi le tue aspettative al punto 3. Come ti senti dopo 6 mesi a riuguardo?

Auto Controllo: 3 suggerimenti da inserire nelle nostre Routine

Svegliarsi preso e muovere il culo.

Ne abbiamo già parlato più volte sul blog e anche qualche riga più sopra. Non stare a letto a gozzovigliare inutilmente, non tutti i giorni almeno. I tuoi sogni non si avverano da soli, ma hanno bisogno di te.
"Quei giorni che fai fatica ad alzarti, tieni in mente questo - Mi sto svegliando per fare il lavoro di essere umano. Perchè sono quindi disturbato da questa cosa, per cui sono stato creato, la cosa per cui sono stato messo a questo mondo? Oppure sono stato fatto per stare sotto le coperte tutto il tempo e rimanere al caldo. Si sta cosi bene. Ma sei stato fatto solo per essere coccolato oppure per crescere?

Esercizio:

  1. prendi l'abitudine di andare a letto "presto" (qualsiasi cosa voglia dire per te) e alla stessa ora
  2. Coricati allo stesso orario per 6 giorni di seguito e svegliati allo stesso orario
  3. il  giorno 7 metti la sveglia prima di 45 minuti, sono tanti ma non cosi tanti da distruggerti (se sei andato sempre a letto presto) - sfruttali per scrivere sul diario cosa farai con il tempo guadagnato
  4. il giorno dopo svegliato solo 10 minuti prima del solito
  5. Continua per una settimana
  6. al settimo giorno svegliati 45 minuti rispetto al solito (ovvero 55 minuti rispetto a quello fissato nel punto 2)
  7. continua a ripetere  da 2 a 6 fino a quando hai trovato abbastanza tempo nella tua mattina.

Abitudini.

Del potere delle abitudini se ne erano accorti gia 2000 anni fa e ne hanno pure scritto molto. Anche su cocooa ci siamo dati da fare (con la recensione del libro "La dittatura delle Abitudini" e con vari articoli sull'installare le abitudini...).
Se non vuoi essere irascibile, non nutrire l'abitudine. Come prima cosa, mantieni la calma e conta i giorni in cui non ti sei irritato. Mi arrabbiavo tutti i giorni, poi uno si e un no, poi uno ogni tre o quattro... Se continui per 30 giorni. Grazie al cielo! All'inizio l'abitudine è indebolita e poi obliterata. Quando potrai dirti "non ho perso la pazienza oggi, e nemmeno ieri e cosi continuerò per mesi, a rimanere impassibile alle provocazioni, saprai di essere più in forze. - Epitetto, Discorsi.
ne abbiamo parlato tantissimo qui su cocooa, e ogni 2 Febbraio (il famoso giorno della marmotta) tiro fuori una serie di articoli a riguardo.

Esercizio semplicissimo per creare nuova abitudine (o togliersene una)

puoi usare l'agenda oppure prendere un foglio e segnare 365 caselle: Ogni volta che fai l'attività che ti sei prefissato (palestra, studiare una lingua, scrivere un libro) anch solo 5 minuti, metti una bella X... molto presto non vorrai rompere la serie positiva di X, e continuerai fino a quando(un poco alla volta) avrai installato la nuova abitudine.
Vai all'articolo "Crea una nuova abitudine con la Catena delle X" dove spiego più in profondità l'esercizio e dove puoi scaricare il pdf.

Il modo in cui vai le cose di solito diventa il modo in cui farai tutte le cose sempre.

Altra bomba di saggezza del buon Marco Aurelio: Non lavorare alla cazzo di cane solo perchè "questo è solo un lavoro e non mi rispecchia, quindi chissene"...
E' importante, potresti morire domani, e il lavoro fatto male è l'ultima cosa che hai lasciato di te.
Se ogni giorno ti trascini, quello è il modo in cui ti comporterai sempre (vedi il punto sulle abitudini)...

Esercizio: mi sto avvicinando o allontando dal mio obiettivo?

prenditi l'agenda, il quaderno o quello che vuoi e a fine giornata chiediti:

  • Quale abitudine ho limato oggi?
  • Sono migliorato rispetto a ieri?
  • Ho agito in maniera retta?
  • Come posso migliorare?
Se farsi queste domande tutti i giorni è pesante per iniziare, è ok - per iniziare - farlo quando fai la review settimanale. Personalmente mi sono segnato queste domande sul mio Quasi-bullet journal.

Hayao Miyazaki

Link Utili:

Scritto da Manolo Macchetta

Affascinato dalle potenzialità del cervello rimane folgorato dall'uscita di MEMO, nel 1992. Soltando 10 anni dopo inizia però a studiare altre discipline. Nel 2008 apre il suo blog di Content Curation, Cocooa.com e poco dopo anche il portale per sport di lotta e MMA Grappling-italia.com

Scopri tutti gli articoli scritti da manolo su cocooa.com , Grappling-italia.com, TantraMarketing.it ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2 comments on “Lo Stoicismo: come una filosofia vecchia di 2000 anni potrebbe essere la soluzione a molti problemi moderni.”

Cocooa © 2021
Terms and Conditions  •   Privacy Policy