Cocooa.comMiglioramento personale per chi non cerca scorciatoie
The Cocooa Experience ep 04: Intervista a Mauro Biglino
The Cocooa Experience ep 04: Intervista a Mauro Biglino
Home » The Cocooa Experience - il Podcast » The Cocooa Experience ep 04: Intervista a Mauro Biglino

The Cocooa Experience ep 04: Intervista a Mauro Biglino3 min read

L'articolo in due parole:

In questa intervista a Mauro Biglino abbiamo voluto fargli domande un po’ più scomode raccogliento tutte le critiche che gli di solito gli muovono.

Di Mauro Biglino abbiamo già parlato molto, ed è pieno di blog che amplificano tutto quello che Biglino scrive sui suoi libri & dice durante le conferenze. Qui abbiamo voluto fargli domande un po’ più scomode: ho raccolto tutte le critiche che gli facevano e gentilmente Mauro ci ha risposto.

Le domande presupponevano la lettura di almeno uno dei suoi libri:

Qui c’è l’articolo su Mauro Biglino: https://www.cocooa.com/mauro-biglino-alieni-bibbia/

Cocooa.com Intervista Mauro Biglino

Lista delle Domande a Mauro Biglino

Chi è Mauro Biglino?

Lei inzia tutti i libri con una doverosa cornice:  il “Frame As if” … il “facciamo finta che..”: lo reputo vitale per tutto il suo lavoro. Lo potrebbe spiegare?

Altra cosa che mi preme ricordare è che Lei mai ha voluto parlare di religione ne di spiritualità, ne di Dio ma che si è limitato alla traduzione letterale. Come mai allora in tanti parlano dei 4 livelli in cui si può tradurre la Bibbia?

Nei primi libri di Mauro Biglino mancava una bibliografia corposa.

Partiamo con la questione Elohim come plurale/singolare per chi ancora non è convinto cosa può dire?

Domanda scomodissima: su un forum famoso si parla moltissimo di Lei e una critica abbastanza frequente è sul fatto che lei non è madrelingua ebraica e quindi non può tradurre bene. Mi piacerebbe avere una sua risposta a riguardo.

Ha intenzione di espandere la descrizione di quell’epoca anche citando altre “mitologie”?

Sempre negli ultimi libri si è staccato un po’ dalla prima ipotesi (quella del contatto alieno alla “Zitchin”) per diventare più agnostico sulla natura degli Elohim. Personalmente preferisco l’ipotesi di Graham Hancock, ovvero quella della società dimenticata pre-deluviana. Cosa mi può dire a riguardo, cosa è cambiato nella sua visione negli ultimi anni?

Parlando di Libri Lei cita l’Odissea del baltico come libro da approfondire. Se questo libro avesse un valore storico, come si incastra quello che racconta con quello riportato nell’antico testamento? (nota E a quel punto – non so se lo ha letto – c’è anche l’ipotesi di Bulloni di Atlantite sempre da quelle parti… insomma le cose diventano ancora più difficili.)

Parlando di antico testamento e di libri più antichi sumeri (o indiani), di che anni stiamo parlando pressappoco? La data del 11,800-12,000 AC indicata da Hancock potrebbe essere congruente con i suoi studi?

Altra domanda che vedo molto frequente “Biglino è un massone e quindi….” Secondo Lei perché questa domanda – alquanto inutile in questo contesto – è tanto frequente?

Altra domanda che non ha mai avuto risposta: lo storico Flavio è l’unica fonte della possibile “scomparsa” degli elohim dalla scena. Si tratta solo di speculazioni, ma a cosa potrebbe essere dovuto questo? perché tutti gli Elohim del medio oriente sono scomparsi in pochi anni? Sta facendo studi a riguardo?

Mauro Biglino, Lei dice sul suo sito: ” per liberi pensatori”… si, ma liberi da che cosa?

Cocooa ha come pilastro il dialogo con i visitatori sui libri che fanno crescere / cambiano la vita. Quali altri libri – non strettamente di cripto-archeologia – consiglia Mauro Biglino ai “liberi pensatori” e perché?

ho trovato molto interessante la sua strategia di lasciare, al contrario di molti suoi colleghi, i video delle sue conferenze liberamente visionabili in giro per Youtube:  – questa cosa la trovo estremamente intelligente: 1) perché si vede quante cose ci sono da dire sull’argomento 2) perché la viralità dei video è molto importante. Quanto marketing c’è nei suoi prodotti (a partire dal titolo)?

Ho come impressione che dal primo libro a quest’ultimo la quantità delle critiche sia aumentata di numeri (indice della fama crescente) ma MOLTO calata nella qualità (indice che i critici più “intelligenti” non hanno più nulla da dire). Considerando una % di critica endemica nel suo operato, la mia impressione è corretta? Le fa piacere la cosa oppure Le piace la sfida?

Se una persona è stata incuriosita da questa intervista con quale ordine consiglia di leggere i suoi libri?

Lascia i tuoi commenti !

Scritto da
Manolo Macchetta
Unisciti alla discussione

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Cocooa.com