Cocooa.comMiglioramento personale per chi non cerca scorciatoie
Che cosa è un Tunnel di realtà
Home » I migliori articoli » Che cosa è un Tunnel di realtà

Che cosa è un Tunnel di realtà3 min read

L'articolo in due parole:

Uso spesso il termine tunnel di realtà. Credo che ci sia bisogno di un’articolo su cosa sia un tunnel di realtà (spiegato dal MIO tunnel di realtà :-)

Su cocooa.com uso spesso il termine tunnel di realtà. Credo che ci sia bisogno di un’articolo su cosa sia un tunnel di realtà (spiegato dal MIO tunnel di realtà ovviamente :-)

 

Ho scoperto il termine “tunnel di Realtà” sui libri di Robert Anton Wilson che l ‘ha reso popolare. Il creatore del termine è Timothy Leary. Entrambi gli autori sono monumentali e meritano un’approfondimento a parte, a cui vi rimando.

leggi la recensione del libro Prometheus Rising di Robert Anton Wilson

La teoria dice che, a causa dei filtri mentali che abbiamo ( causati dalle esperienze, condizionamenti e dal sistema di convinzioni) ogni individuo interpreta il modo in maniera diversa. In inglese usano la frase “Truth is in the eye of the beholder”, che in Italiano si può tradurre (con meno pathos) la Verità è negli occhi di chi guarda.

L’idea è che il nostro sistema di accesso alla realtà è sporcato da fattori non oggettivi. Ogni persona ha il proprio tunnel di realtà, cosi come ogni gruppo di persone unite da un credo o da una fede. L’essere umano ha la tendenza di notare e dare un significato alle osservazioni che confermano le proprie convinzioni, filtrando quele che invece cozzano con esse: è per questo che essere schettico a muso duro ( vedi Cicap) è un tunnel di realtà uguale a essere un farfallone new age.

I tunnel di realtà sono di solito “trasparenti” al proprio “abitante” :-) cosicche ognuno crede di avere l’unica vera realtà, mentre invece essa è soltanto l’arredamento del tunnel :-)

Ma io non ho tunnel di realtà. io sono oggettivo…

Facciamo una prova: guarda l’immagine qui sotto e dimmi cosa vedi, poi continua a leggere.

tunnel-realta-delfini-amanti
Guarda l’immagine: cosa vedi ?

Hai visto una coppia nuda vero? Le ricerche indicano che i bambini piccoli non riescono a vedere gli amanti, perchè non c’è una memoria corrispondente nei loro cervelli. Quello che vedono i bambini sono nove delfini.

Anche gli adulti (di solito dopo che gli si è svelato in gioco) sono in grado di vedere i delfini, ma la maggior parte di noi vede gli amanti e solo quando legge la risposta aggiusta la propria mente a vedere entrambe le scene. E se questo succede per un disegno, pensa cosa può succedere sulla realtà che ha molte più sfaccettature!

In poche parole, tu puoi vedere solo quello che il tuo tunnel di realtà ti permette di vedere. Le implicazioni sono devastanti.

9 Motivi per vedere meno televisione

Ok ho arredato il mio tunnel di realtà… quindi?

Già portare alla mente conscia il fatto che siamo dentro un sistema di convinzioni che filtrano le nostre percezioni è già un bel passo in avanti ( vedi modello delle 4 fasi della competenza ).

Nel libro Prometheus Rising (da leggere e rileggere) Robert Anton Wilson spinge moltissimo su vari modi di deprogrammarsi, parlando di PNL, cibernetica, ipnosi, meditazione, persino allucinogeni.

Questo è uno dei temi più importante e quindi vedrete altri articoli che parlano di questo. Continua a visitarci ( sei iscritto agli RSS, vero ?)

Chiudo con una citazione di RAW:

Every kind of ignorance in the world all results from not realizing that our perceptions are gambles. We believe what we see and then we believe our interpretation of it, we don’t even know we are making an interpretation most of the time. We think this is reality. – Robert Anton Wilson

Ogni tipo di ignoranza nel mondo deriva dal non rendersi conto che la nostra comprensione è una scommessa. Crediamo in quello che vediamo e poi crediamo all’interpretazione che gli diamo, il più delle volte non sappiamo nemmeno che stiamo dando un’interpretazione. Crediamo che sia la realtà – Robert Anton Wilson

Breve Video di Robert Anton Wilson

 

Scritto da
Manolo Macchetta
Unisciti alla discussione

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

4 commenti
  • Ciao, l’articolo è interessante, sono d’accordo sul fatto di cercare di osservare il mondo in maniere diverse e provare a porsi in diversi punti di vista.

    Volevo darti un mio parere che spero non sia offensivo: ho letto due articoli e li trovo troppo “divaganti”, nel senso che ci vorrebbero meno riferimenti a libri e autori, e più frasi del tipo domanda-risposta!

    Ad esempio, ho aperto questo articolo essendo già consapevole del fatto che la realtà è soggettiva, ho letto tutto quanto, e sono arrivato alla fine, dove non ho trovato dei consigli per rendersi conto di quando si è troppo dentro la propria realtà.
    In poche parole trovo che sia una bella descrizione del problema, ma della soluzione se ne parla poco, anche se è vero che ognuno la debba trovare da se!

    Ripeto, non volevo essere offensivo, è solo un consiglio da uno che vede la tua realtà dall’esterno! :)
    E’ sempre un ottima cosa cercare di aiutare gli altri come stai facendo.

    Buona giornata!

    • Ciao Federico,
      l’appunto che muovi è sacrosanto e posto anche educatamente: non sei stato offensivo ed anzi ogni feedback è molto apprezzato.
      Devo dire che concordo in larga parte con quello che dici. Alcuni articoli, come questo, sono introduttivi (non sai quante persone credono di essere “oggettivi” e che riescono a prendere le decisioni migliori. sempre) altri sono un po più avanzati.
      Come regola evito di dare consigli in cose in cui sono pessimo ( a partire dai soldi, Loa etc etc) e quando trovo un autore che mi piace me lo studio ma non scrivo nulla prima di 2-3 anni di utilizzo e pratica. Non mi piaciono i siti che sono incongruenti e non voglio esserlo io. Quindi quando trovo un libro che mi piace ne parlo: preferisco che i lettori si abbeverino dalla fonte senza passare da me. Questo vuol dire che leggi oggi ciò che ho scoperto 3 anni fa… ma è ok cosi fino a un certo punto.
      Detto questo però mi sono accorto (solo dopo la tua domanda, di cui ti ringrazio) che effettivamente troppi sono solo “descrittivi” e che quelli più “ciccioni” di contenuti sono tutti nelle bozze.
      Prometto che muoverò il culo e posto un po più esercizi!

      manolo

      Grazie ancora del feeback, ti prego di leggere anche altri articoli e farmi sapere !

Cocooa.com