Gestione del Tempo

Dieta Digitale per info-obesi

Photo by Vegan Liftz from Pexels

Info-obesità: Prendo spunto dall'articolo "Come togliere il superfluo e migliorare la propria vita" per ampliare questo articolo che parlava di info-obesità & dieta-digitale in relazione a una mia esperienza. Adesso è stato espanso e ho prodotto un articolo che può essere il primo passo per disintossicarsi.

Grazie a Will Lion - https://www.flickr.com/photos/will-lion/2594661429/

Grazie a Will Lion - https://www.flickr.com/photos/will-lion/2594661429/

La mia definizione di info-obesità

La definizione di Info-obesità / Obesità digitale, segue quella di obesità e la potrei definire così: "Condizione nella quale una persona ha accumulato cosi tanti sistemi di gestione delle informazioni che si hanno effetti negativi sulla salute".

Piccola nota: Come al solito, cocooa.com NON fa terapia, ma parla di miglioramento personale. Consiglio da amico: se credi di avere problemi gravi vai da un professionista qualificato e non affidarti a un blog, che al massimo ha uno scopo divulgativo.

La somma di informazioni, dati, contenuti, media e App è esplosa con internet a sta crescendo a velocità warp 2 con gli smartphone e i social network. Così come il sovrappeso è ormai endemico (il 46.6% degli italiani) ed è accertato il suo impatto sulla salute, anche questo consumo smodato di troppe informazioni è appurato essere poco salutare. La cosa è però molto più fuori controllo di quello che sembra.

Tempesta informativa sulle nostre teste (e nei nostri smartphone)

Vuoi un appuntamento? c'è un'APP. Vuoi chattare? Ce ne sono mille. Vuoi tenere traccia di quante volte hai fatto la pupù? C'è ne di sicuro una anche per quello.

E fin qui potrebbe andare anche bene...

Ma la maggior parte di questi software ti tempestano di messaggi urgenti: compra questo, non perderti quest'altro, apri questa mail che hai solo 10 minuti per agire, guarda questo video che tra un'ora scompare.

Tutte richiedono la tua attenzione e la richiedono con urgenza. Adesso o mai più.

Sai che ogni minuto che passa Youtube ha 400 ore in più di contenuto? Ogni cazzo di minuto! Capisci anche tu che non se ne può uscire...

Primi passi per un equilibrio digitale

Disinstalla tutte le APP che non usi.

Non è facile, non è divertente e per alcuni dover prendere decisioni è anche stressante, ma è necessario. Hai decine di App che non servono, che non usi mai, che sono li solo "nel caso".

Come fare?

Prendi una App alla volta e chiediti:

  • quando è l'ultima volta che l'ho aperta?
  • Posso farne a meno?
  • Che valore mi da che non fanno altre?
  • Averla installata mi facilita più di quanto non mi incasini la vita?

Disintalla come se non ci fosse un domani. In caso dovesse servirti (e probabilmente non succederà) puoi re-installarla con un click.

Ci potresti mettere qualche ora, quindi prenditi un po' di tempo tutti i giorni.

Per esempio, puoi utilizzare un pomodoro al giorno solo per la pulizia. Se non sai cosa è la pomodoro technique per la gestione del tempo, clicca qui: https://www.cocooa.com/pomodoro-technique/

Questa cosa vale per gli smartphone e per i desktop ovviamente!

Pulisci la Scrivania / sfondo

Questa cosa (su cui ancora faccio fatica) me l'ha insegnata una mia amica all'università (grazie Angelika): quando devi studiare fai pulizia fisica di tutto quello che hai sulla scrivania. Il casino sul tavolo si riflette sulla qualità dello studio. Sciocchezza? Lei era molto brava e seguire la sua strada mi è costato poco. I risultati sono arrivati: meno distrazioni, meno cose su cui perdere l'attenzione, meno orpelli che richiamano alla mente altre cose da fare.

Poi negli anni ho studiato e ho visto che esistono anche delle ragioni neuronali

RSS, Mailing List, Facebook Bot & Social Notification Alert

RSS

Parto con gli RSS perché probabilmente non li usa quasi più nessuno e sono gli antenati delle notifiche push che ci stanno triturando le palle sui social: è facile pre

Mailing list

Mailing list: è normale con il tempo essere iscritti alle mailing list, per 20 anni è stato il modo più efficace per rimanere in contatto con gli autori che si seguono. Anche io con cocooa.com ho una mailing list pubblica (quella dove faccio curation di libri) e non ci trovo nulla di male nel mandare le mail.

Quello che evito come la peste sono gli autori che ti devastano di mail SOLO di vendita.

Compra compra compra compra.

Zero valore, solo rumore. Quindi mi dis-iscrivo senza pietà.

Cerco di preferire servizi che mi mandano mail una volta a settimana e in cui ricevo informazioni utili.

A quante mailing list puoi rimanere iscritto senza impazzire?

Dipende ovviamente dalla frequenza delle mail, ma secondo me i famosi 7 +/- 2 chunk informativi di Miller calzano anche in questo caso... da 5 a 10 newsletter al giorno direi. Dopo diventa un lavoro.

Youtube Alert, Linkedin notification

Cose diverse, ma con la stessa funzionalità vieni avvisato quando ci sono aggiornamenti nei vostri canali preferiti. Linkedin è particolarmente fastidioso con le notifiche dei gruppi, sopratutto dall'ultimo aggiornamento: i post sono sempre meno di valore.

Personalmente mi sono dis-iscritto da tutti i gruppi inutili e ho tolto le notifiche (lasciando quelle settimanali) per tutto il resto. Ho fatto lo stesso per Youtube.

Facebook Pages /friends /groups

L'algoritmo di Facebook è in teoria lineare e di facile comprensione (ha tre variabili), in pratica ci sono così tante eccezioni che vedete sempre gli stessi contenuti. Magari qualcuno che ti sta pure suoi coglioni coi suoi post Vegani/politici/gattini/pornografici etc etc...

C'è la possibilità di mettere "unfollow / smetti di seguire" senza dover togliere il tuo contatto dalle amicizie. Lui non si offenderà e tu non dovrai più sorbirti il suo concime.

Facebook Bot

Sono una cosa annunciata nel 2016 e che si accingono a impestare il web già dal primo Trimestre del 2017. Quelle che erano le mailing list con autoresponder programmato adesso possono essere utilizzate anche con messenger. prevedo tempeste atomiche!

 

Suggerimenti su come gestire tutto

Crea una mail solo per le mailing list (in questo modo puoi capire se quella che ti arriva è spam o sono servizi a cui ti sei iscritto). Se usi Gmail, puoi utilizzare il trucco dell'uso del + tra indirizzo e @ per sapere l'origine della mail...

da "miamail@gmail.com" a "miamail+lista1@gmail"

Molto spesso mi capita di ricevere informazioni commerciali su una mail che non uso per ricevere mailing list ma che è pubblica. Chi mi offre queste informazioni sono piccoli business locali

Servizi di Curation

Credo che una delle strade della fruizione di contenuti del futuro sia quella della curation di contenuti

Digiuno Digitale

Sono andato in vacanza 5 giorni settimana scorsa e, dopo il mio post di "auto denuncia" di video-dipendenza, ho fatto una prova: 4 giorni senza internet. Ce l ho fatta con la TV, perché non con internet?

E' stato bello. Sarà perché ero in ottima compagnia (grazie E. :-), sarà stato il posto, sarà stato lo stato vacanziero ma mi ha soddisfatto. Ovviamente il tempo da spendere su altre cose è magicamente moltiplicato, proprio come quando ho smesso di vedere la TV.

Ho scritto la prima versione di questo articolo nel 2010. Nel frattempo sono successe tante cose: i social sono diventati una piaga, se si gira si vede più persone camminare guardando il cellulare (passando con rossi), la tecnologia smart rende le persone meno smart...

Non sono solo io a dirlo, ma tanti studi.

Cosa include "non avere internet":

  • no email
  • no facebook
  • no Iphone
  • no Rss
  • no video Games
  • nessun sito di notizie
  • nessuna informazione (me ne serviva una e ho cercato sul Televideo !!!!)

Era invece possibile:

  • Ascoltare la radio (anche se non capivo quello che dicevano
  • Vedere un film su DVD / computer - e mi sono visto il delizioso "Up" della Pixar

Il problema vero è stato il ritorno alla realtà, che mi è costato una nottata solo per smaltire le mail :-)

Sto dicendo che taglierò internet dalla mia vita? No way, babe, ma credo di essere un Obeso digitale. Troppi input da internet e troppo desiderio di gestirli tutti.

Non ho intenzione di tagliare tutto ma credo che una sforbiciata alle mie navigazioni possa solo fare bene, prendersi un break su basi regolari è una buona idea. Penso che di tecniche per togliermi la pulsione ce ne siano a bizzeffe (PNL lo swish, EFT, Sedona) ma ho intenzione di seguire un'altra via, più disciplinata, che però lascia intatto il mio intento di lavorare con qualità col computer) .
Direi che questo Digiuno digitale diventerà un appuntamento fisso nella mia dieta informatica. Se invece di 5 giorni mi prendo 2 giorni senza internet nessuno se ne accorge e il mio impatto con internet sarà minore, cosi come sarà meno problematico dover preparare in anticipo articoli per i vari blog.

Con che frequenza lo farò?

Sono indeciso. Una volta al mese? Una volta ogni 15 gg? Voi fate qualcosa del genere? Chi mi da qualche suggerimento?

 

Fonti & approfondimenti su info-obesità e dieta digitale

Scritto da Manolo Macchetta

Affascinato dalle potenzialità del cervello rimane folgorato dall'uscita di MEMO, nel 1992. Soltando 10 anni dopo inizia però a studiare altre discipline. Nel 2008 apre il suo blog di Content Curation, Cocooa.com e poco dopo anche il portale per sport di lotta e MMA Grappling-italia.com

Scopri tutti gli articoli scritti da manolo su cocooa.com , Grappling-italia.com, TantraMarketing.it ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cocooa © 2021
Terms and Conditions  •   Privacy Policy