La PNL New Code (quella di John Grinder) in cosa differisce dal codice classico?

Home » Miglioramento » La PNL New Code (quella di John Grinder) in cosa differisce dal codice classico?

Oggi parlermo di PNL New Code (quella di John Grinder) cosa è? Cosa differisce dal codice classico? …

Questo articolo è la parte 4 di 18 nella serie “l’ABC della PNL

Oggi parlermo di PNL New Code (quella di John Grinder) cosa è? Cosa differisce dal codice classico?

PNL New Code -PNL nuovo codice

Nota: ho scritto questo articolo prima di iniziare il percorso di formazione PNL New Code.

Quando si parla di PNL (Programmazione Neuro Linguistica) si intende di solito la PNL sviluppata da Bandler e sputtanata resa popolare da Tony Robbins, e mai la PNL Nuovo Codice  ( PNL New Code) sviluppata da Grinder, questo perchè in termini di popolarità presso il grande pubblico la PNL bandleriana è di gran lunga più conosciuta. Sono venuto a conoscenza di un trainer Italiano, Andrea Frausin, che è diplomato Trainer da entrambi (unico in italia e uno dei pochi nel mondo credo). In attesa dell’intervista, vi racconto cosa ho capito della PNL New Code.

Notizia correlata: Leggi il report del weekend lungo del NLP New Code Certification

Dr John Grinder e Richard Bandler hanno sviluppato la Programmazione Neuro Linguistica (PNL o all’inglese NLP) negli anni 70s. Hanno scoperto davvero un numero incredibile di attrezzi per il cambiamento che gli psicologi dei tempi non avevano. E infatti fino alla fine degli anni 70 quindi la disciplina era rivolta sopratutto ai terapeuti. Vedi la video recensione del libro the Wild Days of NLP.

E’ degli anni 80 la divisione (non proprio idilliaca) dei due fondatori e il primo fork. Grinder si è messo a lavorare per aziende, Bandler invece ha spinto sul grande pubblico.

Bandler ha scritto moltissimi libri e sviluppato negli anni la DHE ( Design Human Engineering) e il NHR (Neuro Hypnotic Repatterning). Grinder invece solo due manuali (tra l’altro difficilotti) Turtles All the Way Down e  Whispering in the Wind e ha sviluppato il New Code.

Ecco cosa è la PNL New Code Secondo la definizione di John Grinder:

“Una descrizione della PNL che usa un approccio sistemico per dimostrare e insegnare schemi fornendo una serie di contesti in cui essi si manifestano spontaneamente. Nel Nuovo Codice della PNL,  la responsabilità della selezione dei elementi critici viene assegnata esplicitamente all’inconscio del cliente: lo stato desiderato, le risorse, il nuovo comportamento. L’inconscio prende parte in tutti i passaggi.Ci sono dei precisi paletti quando si seleziona un nuovo comportamento e nello specifico: il nuovo comportamento deve soddisfare le intenzioni positive che il comportamento originario soddisfava. La Manipolazione succede quindi a un livello di stato e intenzione, e non di comportamento”

Detto cosi non ha molto senso, quindi rileggi la parte in grassetto: il nuovo comportamento deve soddisfare le intenzioni positive che il comportamento originario soddisfava. Spunto davvero molto interessante che ho compreso soltando dopo le prime giornate del New Code NLP Certification.

John Grinder parla della differenza la PNL New Code & PNL classica

http://www.youtube.com/watch?v=b6zrXRJWH5s

4 Responses to La PNL New Code (quella di John Grinder) in cosa differisce dal codice classico?

  1. Zeno Reply

    January 18, 2013 at 10:41 am

    L’aspetto epistemologico della PNL new code mi interessa molto… cosa puoi raccontarci ?

    • Manolo Reply

      January 18, 2013 at 12:22 pm

      Appena scopra cosa vuol dire “epistemologico” magari scrivo qualcosa:-)))) a parte gli scherzi sono più un praticante che un teorico (mi mancano dei pezzi per ora..)

  2. Pingback: CorsoPNLonline.comE' vero che esistono DUE tipi PNL?? - CorsoPNLonline.com

  3. Pingback: Il cerchio dell'esperienza | La Programmazione Neuro Linguistica

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>