Cocooa.comMiglioramento personale per chi non cerca scorciatoie
Tutto sui Sogni lucidi: cosa sono, come averli, sono pericolosi?
ingegneria dei sogni lucidi
Home » Miglioramento » Apprendimento » Ingegneria dei Sogni Lucidi

Tutto sui Sogni lucidi: cosa sono, come averli, sono pericolosi?16 min read

L'articolo in due parole:

Cosa sono i sogni lucidi? Leggi come ho fatto io, che non ricordo nemmeno i miei sogni ad averli!

ingegneria dei sogni lucidi

Immagine di copertina: Grazie a Hayao Miyazaki & Studio Ghibli per l’immagine e per avermi fatto sognare più volte

Perchè parlo di Sogni lucidi su cocooa.com

I sogni lucidi sono stati uno dei primi veri test a cui mi sono sottoposto. Una cosa è leggere la teoria, un’altra è sapere che esistono individui con abilità “speciali”, un altra invece è esercitarsi e ottenere un’abilità. Essere capace di fare sogni lucidi fa parte di questa ultima categoria. I motivi erano diversi:

  • Era una sfida personale, ma con la sicurezza di arrivare (i tantissimi casi di successo provati sono stati un grande supporto)
  • Molte informazioni disponibili gratis o su libri, non c’era bisogno di fare corsi speciali
  • Si può fare la notte, a casa: non necessitavo di spazi o attrezzi particolari.
  • I sogni lucidi sono una cosa totalmente scientifica, e quindi per chi come me era uno scettico a muso duro (Cicap style) era perfetto per espandere il cervello senza dover credere alle baggianate New Age.
  • La progressione per quanto potesse essere lenta c’era ed era misurabile.
  • Anche mancare il risultato (ovvero ricordarsi 2-3 sogni per notte senza ottenere la lucidità) sarebbe stato un successo per chi come me non si ricorda mai i sogni.

L’occasione di questo post è la preparazione di uno speech ai ToastMasters sull’argomento. Prendo quindi l’occasione al volo , raccolgo i pensieri e propongo qui i miei appunti sui sogni lucidi: “Sognare sapendo di sognare”. 

 

Ingegneria dei Sogni Lucidi

Esplora il mondo dei sogni lucidiDevo dire che questo post è influenzato pesantemente dal lavoro di Stephen LaBerge di cui ho comprato il libro negli anni ’90 (il mio primo libro su Amazon! che nostalgia!). Anche in quel caso il mio folletto della libreria mi ha fatta fare l’acquisto giusto, poiché ancora adesso “Exploring the World of Lucid Dreaming” è una delle pietre angolari per chi vuole imparare.  A questo ci ho aggiunto un po di PNL e di Metodo Silva, con un tocco di medicina energetica, che non guasta mai. :-)

Il protocollo che vi propongo è diviso in varie parti:

  • prima vi descrivo l’ortodossia,
  • poi segnalo sia esercizi per proseguire nei sogni lucidi sia dei “miglioramenti” che potete utilizzare o meno a seconda che la disciplina vi piaccia. Se in alcuni passaggi pensate che il Silva potrebbe essere meglio, fatelo, se pensate che forse rilasciare le limitazioni e le paure sia  necessario prima di iniziare, fatelo. Quando lo fate vi prego di lasciare un commento.

Vi prego di lasciare un commento anche se avete dei feedback o dei dubbi.

Domande e risposte prima di iniziare

Cosa è un sogno lucido?

In un sogno “regolare” noi non abbiamo coscienza di stare sognando fino a quando non ci svegliamo, a volte però ce ne rendiamo conto mentre siamo ancora nel sogno. Quello che li rende cosi speciali e cosi belli è il fatto che abbiamo un controllo molto maggiore (totale) del sogno: molto di più di quello in un sogno regolare non lucido.

Perché avere un sogno lucido?

Non soltanto avere un sogno lucido è un’esperienza bellissima che al risveglio vi fa sentire i nuovi re del mondo, ma può essere utilizzata per vari scopi: superare gli incubi, autoanalisi e/o risoluzione di problemi, aumentare la creatività e ovviamente avere avventure mozzafiato (da volare negli spazi siderali a un appuntamento piccante con la vostra star di Hollywood preferita). Tutto questo mentre dormite.

I sogni lucidi sono pericolosi?

Un po’ di storia

Antichità

Il sogno lucido è una pratica antichissima ed è probabile che anche gli uomini primitivi fossero in grado di diventare coscienti dello stato di sogno. Moltissime pratiche sciamaniche richiedono questa pratica. I monaci tibetani hanno moltissimi scritti a riguardo e ci sono delle forme di yoga speciali per aiutare il sogno.

Anche nella scuola cattolica abbiamo un esempio: Sant’agostino (IV secolo dopo Cristo) ne parla chiaramente nelle lettere.

Carlos Castaneda

 

Carlos Castaneda negli anni 70 scrive un libro chiamato “L’arte di sognare” in cui parla quasi esclusivamente di sogni. Il libro da una parte ha reso popolare i sogni lucidi, dall’altra parte ha fatto puntare il dito degli scettici verso questa pratica (Castaneda è famoso per aver ampiamente ricamato sulle sue storie, perdendo molta credibilità agli occhi di molti). In questo caso le tecniche di Castaneda sono però diventate famose, e la tecnica della mano è utilizzata ancora adesso per indurre la lucidità (ne parliamo più sotto).

Anni recenti – accettazione comunità scientifica

 

E’ solo recentemente (1975) che sono stati fatti degli scientifici per dimostrarne l’esistenza. Nello specifico: Alan Worsley, in un esperimento, ha eseguito durante il sonno un sequenza di movimenti oculari decisa prima di andare a dormire. L’autore più famoso rimane comunque Stephen LaBerge che dalla fine degli anni ’70 ha creato un movimento credibile intorno ai sogni lucidi.

Come sognare il maniera “lucida” ?

Imparare ad avere sogni lucidi si può fare ed è relativamente facile. Nella mia vita ho incontrato vari talenti naturali e altri (come me) che invece hanno dovuto lavorare di più: ognuno di essi però ce l’ha fatta e quando gliene parlate si può facilmente vedere il luccichio negli occhi quando vi raccontano il loro sogno lucido (è un’esperienza di picco).

(c) dorothy brooks

Preparazione

La preparazione ai sogni lucidi è la parte più importante (e anche la più lunga) perché è quella che vi farà costruire delle fondamenta importanti. Per chi come me non ha facilità a ricordare da subito i sogni, questo è l’ostacolo più grosso. Passato questo, il resto va tutto che è un piacere.

Vi lascio un paio di esercizi che hanno bisogno di almeno 3 settimane di “pratica”.

Tra 3-4 settimane tornate su cocooa.com per avere altri esercizi.

  • Recuperate un quadernetto (nuovo, che userete SOLO come Dream Diary) e una matita. Metteteli sul vostro comodino.
  • La sera, prima di addormentarvi, pensate. Siate sicuri che la mattina vi ricorderete dei sogni che avete fatto e che li segnerete sul diario. Come sapete, si sogna tutte le notti più e più volte. La frase “io non sogno mai” dovrebbe essere formulata “io al risveglio non ricordo mai i miei sogni”. Più sotto vi spiego come ricordarsi i sogni.
  • Alcuni se li ricordano già dalla prima notte, altri nei primi 7-10 giorni. Il fatto di ricordarsi i sogni già dalla prima notte può oppure non può essere indicatore della propria abilità di sognatore lucido. Per mia esperienza chiunque, con un minimo di concentrazione, nell’arco di 20-30 giorni ci si ricorderà un buon numero di sogni ogni notte.

Come ricordarsi i Sogni

  • Prima di coricarvi, rilassatevi un po’.
    Qualche consiglio: evitate di andare dalla televisione (o peggio ancora da computer) direttamente al letto, “decomprimetevi” una mezzoretta-prendete un libro e leggete quello, magari un libro che parla di sogni lucidi (sotto ne indico un po’)
  • Prendete la matita e il quaderno e scrivete in alto alla pagina data e ora in cui vi siete coricati, aspettandovi che l’indomani compilerete il resto della pagina. Ho messo in grassetto la parola “Aspettandovi” perché l’aspettativa, così come gli obiettivi è un forte motore
  • Spegnete la luce e mentre Morfeo vi sta venendo a prendere pensate: “domani mattina la prima cosa che farò sarà ricordarmi i sogni che ho fatto” oppure ” Voglio svegliarmi dopo ogni sogno così da poterlo scrivere”– siate convinti e portate questa convinzione a letto con voi :-)
  • Ringraziate voi stessi per essere stati cosi bravi da svegliarvi e scrivere e tornare a dormire.

Note: Può darsi che vi sveglierete a orari un po insoliti (il vostro corpo risponde ai vostri comandi e i voi dovete ancora imparare i vostri cicli del sonno) sarete rintronati, ma nonostante questo prendete la matita e scrivete quello che ricordate… se davvero non ce la fate, mettete almeno i punti chiave del sogno, cosi da poterlo trascrivere la mattina dopo appena sveglio come prima cosa.

Nota 2: nella fase tra la veglia e il sonno, un po’ dopo il dormiveglia il cervello è estremamente creativo e fa apparire molte scene/forme geometrice. Se le vedete, siete a un passo al mondo dei sogni. Molto bene!

 

Come tenere il diario

Oltre allo spazio per scrivere, successivamente ve ne servirà altro per prendere appunti, il mio consiglio è quindi di usare solo una pagina ogni due del quadernetto.

Se avete un quaderno nuovo, Lasciate bianca la seconda di copertina ( metteteci il nome magari :-) nella prima pagina scrivete la data con cui iniziate e basta.  Io parto con la pagina di Destra, quindi tecnicamente pagina 2.

Prima di coricarvi

  • In alto a scrivete la data PRIMA di andare a dormire. Io personalmente segno la data della giornata precedente anche se vado a letto dopo mezzanotte, ma è solo una convenzione. Se siete bravi anche l’ora in cui andate a dormire.

Dopo il sonno

  • Quando vi svegliate date un titolo al sogno
  • Sulla stessa pagina scrivete tutto (anche i particolari più insignificanti)
  • lasciate libera la pagina di fronte (pagina 3)
  • Se avete bisogno di pagine extra per descrivere il sogno, usate sempre quelle a sinistra.
  • Se fate più sogni la stessa notte, potete pensare di partire da una nuova pagina ogni sogno (spreco di carta ma vi perdono :-).
  • A cosa servono la pagine dispari? Fate lavorare la parte destra del vostro cervello !! Disegni per chiarire, Aggiungete note sul sogno, se ha richiami con fatti accaduti (noterete infatti uno schema tra cose che vi succedono e sogni)
  • Dopo aver finito RINGRAZIATEVI, e siate orgogliosi di voi, poiché state parlando col vostro inconscio.

Diario dei Sogni (Dream Log)

Vi posto due immagini dai miei diari (periodo 99-2000) il primo seguendo l’approccio classico (2/3 di pagina per il testo, 1/3 per le note) e l’altro quello un po più “sprecone” ma decisamente più ordinato… I risultati che ho avuto col secondo dopo la sua adozione sono stati moooolto maggiori.

Sogni lucidi: Usando una pagina soltanto sia per scrivere che per gli appunti è tutto molto confuso (approccio classico)

sogni lucidi
Sogni lucidi: Usando una pagina per scrivere e una per gli appunti è tutto molto piu chiaro (approcio mangiacarta:-)

Quanti ne devo segnare?

Quando vi ricordate almeno un 7 sogni a settimana potete muovervi al passaggio sucessivo: Dream Signals! Ovviamente dovete continuare a scriverli

Sogni Lucidi: qualche suggerimento su come tenere il Dream Journal

sogni lucidi
Sogni lucidi: Usando una pagina per scrivere e una per gli appunti è tutto molto piu chiaro (approcio mangiacarta)

Chiamalo come vuoi: il quaderno dei Ricordi, Diario dei sogni, Dream Diary , Dream Log… in ogni caso questo è uno dei punti deboli di tutta la catena di apprendimento verso la maestria dei sogni lucidi. Come al solito si parte con le buone intenzioni ma al 7-10 giorno si ha, statisticamente, un crollo quando si inizia una nuova abitudine (<– scusate l’installazione negativa, ma questa è la statistica).

Ti svegli tardi la mattina e non fai in tempo a scrivere, ti riesci a svegliare la notte e poi se accendi la luce il partner si irrita perché poi non prende più sonno. Questi sono tutti problemi comuni, che qui cercherò di spiegare come evitare. Prima ancora di iniziare ti consiglio vivamente la serie che ho chiamato 6Changes, che è sorella della Guida definitiva per mantenere i propositi di inizio anno. – Lo scopo di 6Changes, come puoi intuire dal titolo, va ben oltre ai sogni lucidi, ma credo possa interessarvi.

Gli ostacoli che non ci fanno tenere il Dream journal:

  • Scrivere sogni nel mezzo della notte
    Lo scrivere il sogno adesso (quindi svegliarsi) contro il rimanere in quella fase piacevole tra sonno e veglia. Gratificazione a lungo termine contro gratificazione a breve termine. E’ giusto godersi le gratificazioni a breve termine (ovvero tirare su le coperte, girare le spalle e continuare a ronfare) ma se vi siete presi l’impegno con voi stessi di diventare dei sogni lucidi, sappiate che questa non è la via giusta. Nessuno vi obbliga
  • Bisogni impellenti al risveglio
    Ok, avete aperto gli occhi, state per scrivere… però poi sete, fame, scappa la pipi’, scappa la popò. “Mi alzo e lo segno dopo”… Errore !!! Come forse avrete già notato, ogni movimento cancella una piccola parte di sogno e quindi meno ne fate più il vostro ricordo sarà vivido. una soluzione che sta andando di moda in America è utilizzare un registratore. Personalmente non l’ho mai utilizzato, e più sotto nella sezione apposta vi spiego anche il perché, però so che molti hanno avuto grossi risultati
  • Diario per tenere i sogni troppo lussuoso
    Se è la prima volta che iniziate a tenere il diario dei sogni può darsi che abbiate preso un quaderno lussoso (tipo quelli che consiglio qui per il diario della Felicità). Per come sono fatto io, mi spiace scarabocchiare con frasi senza senso un quaderno cosi bello e “di valore”. Il problema è che all’inizio quasi tutte le frasi sono sconnesse e impugnare una matita alle 4 del mattino non aiuta la grafia. Sempre nell’ottica di semplificare il processo di scrittura, mi sono tolto questo ostacolo mentale (che era mio e che voi potreste non avere)…
  • Tenere due Diari.
    Sempre per come sono fatto io, raramente copio in bella delle note prese precedentemente. Quando ho del tempo da investire lo utilizzo per integrare le note o per studiarle. L’avere due diari è per me una “perdita di tempo”. Lo scopo è diventare un Onironauta esperto e non un bravo amanuense. Quindi mi focalizzo sul sogno lucido.
    So che invece molti hanno fin da piccoli l’abitudine di fare la brutta e la copia – Se siete fra loro fate finta di non aver letto questo punto

Usare un Registratore per ricordare i sogni

Ho parlato del registratore come mezzo per segnarsi i sogni e ho detto che non l’ho mai utilizzato: perché ?

  • quando vivevo coi miei, se mi avessero sentito parlare la notte di cose strane avrebbero chiamato l’esorcista :-) quindi ho evitato
  • Quando sono andato a vivere da solo ho continuato a usare i quaderni di carta, perché comunque non avrei mai riscritto i sogni
  • Adesso che ho la mia compagna che dorme non mi sembra bello svegliarla per renderla partecipe alle 3 del mattino dei miei sogni:-)

Perché potrebbe essere utile un registratore

Ringrazio Stephen Berlin per gli spunti interessanti sull’uso del registratore. L’uso del registratore può essere interessante a diversi livelli:

  1. Anche se poi non vengono trascritti: Parlare sveglia le associazioni nei sogni, e poiché si può parlare liberamente si segue più il flusso e non ci si dimentica (cosa che ancora mi succede quando scrivo).
  2. Puoi anche semplicemente riascoltarli: sentire la propria voce raccontare un sogno che hai dimenticato totalmente è strano e crea interessanti convinzioni sulla potenza del proprio cervello.
  3. Se hai la disciplina di prenderti un’oretta a settimana per copiarli su carta (e qui puoi usare il quaderno lussuoso, anzi: meglio se è lussuoso!): Se all’inizio segni quelli con i Dream Signal più forti o con evidenti buchi di logica, puoi imparare a segnare solo dei pezzi degli stessi, creando un vero e proprio Best of the best dei sogni: quelli più potenti, transcendenti, energizzanti… magari si scopre anche uno schema.

Cosa consigli per il quaderno dei sogni?

Finora ho utilizzato Mappe mentali, Concetti chiave veloci e scartato il registratore, perché non avevo mai pensato allo step 3… devo capire come far passare questa cosa di parlare da solo la notte, ma farò delle prove e vi dirò !

 

I suggerimenti per ricordarsi i sogni

Come sta andando la compilazione del diario con i sogni ricordati? bene ? Vi do 4 suggerimenti per aiutarsi i sogni.

due sono facilmente inseribili nella propria routine:

Intenzione di ricordarsi il sogno

Avere la chiara intenzione di voler ricordarsi i sogni è importante. Come vedrete più avanti l’intenzione guida i sogni e quindi se quando andate a letto non pensate a nulla (o peggio ancora pensate ai problemi, cosa che DOVETE EVITARE) non state dando segnali al vostro inconscio. Per chi conosce il Silva Method può dire agli assistenti di “video registrare i sogni” e mandarli in play quando vi svegliate.

Ricordarsi i sogniPer chi si rilassa o fa visualizzazione, bastano un paio di affermazioni alla fine della pratica. Per chi va a letto ed è troppo stanco per fare ogni cosa, basta pensarci due/tre volte mentre Morfeo vi accompagna nel regno dei sogni. Se avete una vision board vicino al letto, mettete qualcosa che vi ricorda i sogni lucidi.

Consapevolezza

Sviluppare la propria consapevolezza durante la veglia aiuta la concentrazione, anche durante il sonno. Se vi abituate a essere più consapevoli del qui e dell’ora, magari anche interrogandovi sul fatto che state sognando o meno, vi potrà essere d’aiuto.

I seguenti metodi sono invece un attimo più invasivi e meno attuabili se si convive con delle persone.

Sonno Extra

Nei weekend, se potete dormire una oretta di più, questo è utile: nei primi cicli di sonno la fase Rem è cortissima, mentre invece al 3 o 4 ciclo è molto lunga – dormendo di più del solito è probabile che nell’ultima fase siate più riposati e col sonno più leggero, uscendo dal sonno in maniera molto più dolce. Un ciclo di sonno dura circa 90 minuti.

Sveglia

Come abbiamo scoperto prima, ogni ora e mezza si parte con un nuovo ciclo di sonno (non è proprio cosi, ma questo vi basta sapere) quindi se mettete la sveglia dopo 4.5 o 6 ore dovreste svegliarvi proprio a fine sogno. Personalmente il risveglio con il driiiiiiiiin è sempre traumatico e non mi ha aiutato mai molto, ma per altri invece è stato un suggerimento azzeccato. Se il partner non vi picchia ovviamente.

Tecniche Specifiche per avere sogni Lucidi

Sogni Lucidi & OOBE

Che correlazione c’è tra OOBE e sogni lucidi? Sono la stessa cosa?

Se per i sogni lucidi posso dire la mia, per le OOBE (Esperienze fuori dal corpo) parlo da una delle posizioni peggiori: quello che ha letto cosa sono, concettualizza ma non pratica né ha esperienza a riguardo.

I sogni lucidi ormai sapete cosa sono, mentre non ho ancora definito cosa è una OOBE.

La mia risposta è quindi incompleta. Detto questo: I sogni lucidi sono facilmente dimostrabili dall’esperienza e dalla scienza. Avvengono naturalmente e con la pratica si può solo migliorare. Non trovo nulla di sovrannaturale nell’avere dei sogni lucidi.

Le OOBE invece mi lasciano molto più perplesso… non ho ancora conosciuto nessuno che potesse avere delle OOBE e testarle davvero: molti confondono addirittura un OOBE con un sogno lucido, quando secondo me, tranne il set up inizale (mindset + si parte da sdraiati) non c’entrano più nulla.

Libri sui sogni lucidi
Sogni Lucidi: Abbiamo parlato del Libro di Laberge che non c’è in italiano (eresia!!) e quello di Castaneda (che invece si trova ed è un bel libro)

L'Arte di Sognare
Guida all’espansione della mente – Liberare la mente per scoprire se stessi

Voto medio su 9 recensioni: Da non perdere


L'arte di Vivere i Sogni

Voto medio su 1 recensioni: Da non perdere


Sogni di Risveglio
Sogno lucido e consapevolezza del sogno e del sonno

Voto medio su 1 recensioni: Da non perdere


Sognarsi Svegli: Yoga Tibetano del Sogno & Sogno Lucido
Una via di trasformazione

 

 

Scritto da
Manolo Macchetta
Unisciti alla discussione

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Cocooa.com